logo san paolo
giovedì 11 agosto 2022
 
 

Morosini, un altro caduto sul campo

14/04/2012  Piermario Morosini, 25 anni, giocatore del Livorno, si accascia in campo e muore in ospedale. E' ora di farsi qualche domanda su questo calcio.

Vigor Bovolenta moriva in campo e parlavamo dell'imponderabile che attraversa tutte le vite. Ma è stato appena 20 giorni fa. Oggi muore, accasciandosi su un altro campo Piermario Morosini calciatore del Livorno, e lo sport deve farsi altre domande.


Cominciare a chiedersi se sia così normale, così passivamente accettabile morire di sport a 25 anni, se questo possa essere ascritto semplicemente all'imponderabile o se, invece, ci sia qualcosa di serio da fare per prevenire il prevenibile, per arginare quel poco di arginabile che anche l'imponderabile comporta. Ci sono cardiologi, come Danila Schieri che chiedono da tempo che ogni impianto sportivo abbia un defibrillatore, per risparmiare minuti che possono salvare vite. “Non tutto è prevedibile", spiega la dottoressa Schieri, interpellata da Rainews a margine dell'ultima tragedia, " non sempre uno screening è in grado di individuare e prevedere patologie genetiche e patologie aritmiche che nulla hanno a che fare con la malattia coronarica e che non si vedono alla prova da sforzo. Il fatto che non si possano prevedere non significa che non si possano prevenire dotando gli impianti di un defibrillatore“.

La Federazione ferma il calcio e le partite, forse dovrebbe fermarsi anche a riflettere su questo sport che chiede sempre superprestazioni, che non si ferma mai, che addomestica il calendario alle esigenze delle Tv, che non si chiede fino a dove e fino a quando si possa spremere un corpo e chiedergli di recuperare, sempre meglio e sempre prima. Troppe volte le cronache del pallone e dello sport in genere sconfinano in bollettini medici, troppe volte lo sport professionistico fa i conti con corpi che si rompono e che devono essere riparati a tempo di record, perché - lo dice prima di tutto il fatto che i club premono perché si paghi penale per gli infortuni subiti dai giocatori in Nazionale - gli infortuni costano, sono inciampi nella corsa alla vittoria, interrompono indebitamente lo spettacolo che deve continuare per definizione.

E tante volte si sente, al bar e su Internet che è solo un bar più grande, il discorso dell'uomo della strada: "Con quello che guadagnano dovrebbero correre altro che così". Ma ci si dimentica che non c'è prezzo che possa riparare un uomo che cade a pezzi, perché i pezzi di ricambio per quanti sforzi si facciano non li hanno ancora inventati. E, comunque, le cicatrici restano. Si chiama limite umano ed è una cosa difficile da spiegare a un mondo, il nostro tutto non solo lo sport, che vive appeso alla logica a volte cieca del mercato.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo