logo san paolo
venerdì 28 gennaio 2022
 
 

Quando a Verona affondò gli "atei devoti"

05/08/2017  «È meglio essere cristiano senza dirlo, che proclamarlo senza esserlo». Il 16 ottobre 2006, al quarto Convegno della Chiesa italiana, il cardinale Dionigi Tettamanzi sottolineò che il cristianesimo non è una “cultura” ma una scelta di vita.

Il cardinale Dionigi Tettamanzi. Foto Ansa.
Il cardinale Dionigi Tettamanzi. Foto Ansa.

«È meglio essere cristiano senza dirlo, che proclamarlo senza esserlo». Era il 16 ottobre del 2006 e a fare da scenario c’erano le gradinate dell’Arena di Verona che ospitava il IV Convegno della Chiesa italiana «Testimoni di Gesù risorto, speranza del mondo». Al cardinale Dionigi Tettamanzi, arcivescovo di Milano e presidente del comitato preparatorio del Convegno era stata affidata la prolusione di apertura. Erano gli anni in cui andava per la maggiore in diversi ambienti l’idea che fosse una buona strategia per la Chiesa italiana utilizzare come un omnibus i Governi di centrodestra disposti a non legiferare contro i «valori non negoziabili». Ed era l’epoca dei maggiori fasti per i cosiddetti “atei devoti”, politici, intellettuali e giornalisti non credenti che vedevano nella Chiesa uno strumento di conservazione e difesa dell’«identità occidentale».

Quelle parole del cardinale Tettamanzi proprio a chiusura del suo discorso, «è meglio essere cristiano senza dirlo, che proclamarlo senza esserlo», apparvero come un fulmine a ciel sereno o perlomeno una sorpresa, tanto che tutti i giornali all’indomani titolarono a partire da quella frase. Il cristianesimo non è una “cultura” ma una scelta di vita, proclamava il cardinale. «Parlare non solo “di” speranza, ma anche e innanzitutto “con” speranza» era l’auspicio dichiarato da Tettamanzi in apertura del discorso, con un esplicito riferimento allo «stile» del concilio Vaticano II. Ma egli parlò anche con franchezza, guardando all’appartenenza cristiana come lievito e sale e non come difesa identitaria.

«Solo con il nostro vissuto quotidiano possiamo confessare la nostra fede in Cristo e rendergli testimonianza», disse nel discorso di Verona. La prima, necessaria, irrinunciabile, possibile e doverosa testimonianza al Vangelo è la vita di ogni giorno, una vita nella quale “seguiamo Cristo”, ci “rivestiamo” di lui, siamo mossi dalla sua carità, ascoltiamo la sua Parola, obbediamo alla sua legge, entriamo in comunione di vita con lui, diventiamo suoi “amici”, ci lasciamo animare e guidare dal suo Spirito. In una parola, viviamo nella grazia di Dio e camminiamo verso la santità». In un certo senso un’anticipazione di temi cari a papa Francesco, accanto al quale, non a caso, l’oramai arcivescovo emerito di Milano compare nelle foto con un largo sorriso tra i cardinali che circondavano più da vicino il nuovo pontefice durante la prima benedizione dalla loggia vaticana dopo la fumata bianca del 13 marzo 2013.

Oggi puoi leggere GRATIS Famiglia Cristiana, Benessere, Credere, Jesus, GBaby e il Giornalino! Per tutto il mese di agosto sarà possibile leggere gratuitamente queste riviste su smartphone, tablet o pc.

Multimedia
Dionigi Tettamanzi, le immagini di una vita
Correlati
I vostri commenti
17

Stai visualizzando  dei 17 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo