logo san paolo
domenica 03 luglio 2022
 
Movimento per la vita
 

Movimento per la vita: la Corte non chiede le nozze gay

22/07/2015  «Una cosa», afferma il presidente del Movimento per la Vita Gian Luigi Gigli, «sono i diritti individuali e quelli per ogni forma di convivenza solidaristica, richiamati anche dalla CEDU nella sentenza odierna. Altra cosa è il riconoscimento nei fatti di un matrimonio sotto mentite spoglie»

«Sulle unioni civili si continua a rimestare nell’equivoco» afferma Gian Luigi Gigli, presidente del Movimento per la vita. «Qualcuno pensa, in questo modo, di riuscire a portare a casa i risultati cercati, ma così non si aiuta né la comprensione né la soluzione delle questioni aperte. Una cosa sono i diritti individuali e quelli per ogni forma di convivenza solidaristica, richiamati anche dalla CEDU nella sentenza odierna. Altra cosa è il riconoscimento nei fatti di un matrimonio sotto mentite spoglie».

«Non ci arrenderemo mai a questa prospettiva che aprirebbe inevitabilmente la strada a una totale equiparazione al matrimonio per via giudiziaria, con tutto quello che ne deriverebbe in tema di adozione, fecondazione eterologa, acquisto di gameti e utero in affitto.
E come la pensino in proposito gli italiani è stato evidente a tutti, neppure un mese fa, in piazza San Giovanni. Invece di fantasticare di accelerazioni su questi temi, il governo si concentri piuttosto a contrastare l’inverno demografico sostenendo le famiglie e aiutando le gestanti in difficoltà ad evitare l’aborto».

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo