Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
dossier
 

Movimento per la Vita: «Vincent è un ultimo ucciso dall’indifferenza»

12/07/2019  È questa la reazione del Movimento per la Vita al caso Lambert, all’indomani dalla sua scomparsa. «Vincent è vittima degli incivili e irragionevoli accanimenti della cultura dello scarto»

Il Movimento per la Vita Italiano esprime così «il massimo della vicinanza a Pierre e Viviane, genitori di Vincent Lambert», che si sono battuti per tenere in vita il figlio «fatto morire di fame e di sete in quella Francia che - ignorando la vita e l’amore di due genitori e calpestando la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità -, ha mostrato un aspetto di profonda inciviltà».

«Non dimentichiamoci» continua nella nota stampa «che in Italia quanto è successo a Vincent è possibile perché la legge 219/2017 lo permette. Vincent appartiene a quella schiera di ultimi, «uccisi dall’indifferenza o da una presunta pietà», cui viene negato di vivere perché ritenuti “inutili” da una società che sulla pelle delle persone gioca le sue mortifere battaglie ideologiche. Vincent, come Terry e Eluana, è vittima dell’incivile e irragionevole accanimento giudiziario della cultura dello scarto».

E conclude: «Rendiamo universali, con la nostra testimonianza e il nostro impegno, le parole che i genitori di Terry Schiavo (per anni in stato vegetativo, morta anche lei dopo la sospensione per volontà del giudice di idratazione e nutrizione, ndr) hanno dedicato alla loro figlia nel libro “A Life that Matters”: “A tutti coloro che sono portatori di disabilità, feriti nel corpo e nello spirito, possa Dio essere la vostra fonte inesauribile di coraggio, consolazione e gioia. Possiate essere sempre visti come il più grande tesoro della nostra società”. Tutto questo dice qualcosa di molto importante anche ai nostri politici e in particolare al legislatore».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo