logo san paolo
venerdì 03 dicembre 2021
 
dal brennero ad atene
 

Muri, diktat, xenofobia: se questa è Europa

28/04/2016  Dal Brennero ad Atene stiamo vivendo i giorni più bui dell'Unione europea: nessun progetto di cooperazione, l'onda xenofoba e populista insieme con i particolarismi degli Stati membri sembrano prevalere su tutto

(In alto: il leader della destra xenofoba austriaca Norbert Hofer)
 
Stiamo vivendo i giorni più bui dell’Unione e non soltanto per via dei muri che sorgono alle porte dei Balcani, in Ungheria e nel cuore della Mitteleuropa. Tra pochi giorni il popolo britannico voterà se restare o no nell’Unione. Nel frattempo la Germania del ministro delle Finanze Schauble vuole imporre ai greci già in affanno altri sacrifici in virtù di non si sa quale dichiarata “emergenza”. Questa è l’Europa che si presenta agli occhi del mondo. Una Germania avida e arcigna economicamente con i Paesi del Sud Europa. Un’Inghilterra in preda a nostalgie dell'impero e ai suoi fantasmi isolazionisti.  Un’Austria impaurita e “sfacciata”, come la dipinge giustamente il nostro premier Renzi, che alza un muro lungo 370 metri al Brennero e pretende controlli anche in territorio italiano, alla faccia del trattato di Schengen sulla libera circolazione degli uomini e delle merci. Una decisione presa dal governo socialista sull’onda montante della vittoria della destra xenofoba di Norbert Hofer. Illegale, scellerata per il turismo, per l’economia e come dice giustamente il re degli Ottomila Messner, anche per il popolo tirolese, non più libero e unito ma attraversato da muri e recinzioni. Per non parlare dei Paesi scandinavi, che minacciano addirittura di sequestrare i beni dei rifugiati siriani.

Le incoerenze dei Paesi dell’Europa del Nord sono insopportabili e odiose. Paesi tanto esigenti nel chiedere il rispetto delle leggi si stabilità economica, al punto di affamare la Grecia, quanto di violare a loro piacimento quelle che non fanno loro comodo, come il trattato di Schengen. Fa bene il Governo italiano a fare la voce grossa verso l'atteggiamento ostile contro i rifugiati che scappano dalla guerra. Quanto all'immigrazione economica, questa si blocca solo portando pace, risorse e aiuti in Africa e negli altri Paesi del Terzo Mondo. Ci sono più di un progetto di cooperazione sul tavolo dell’Unione da oltre vent'anni. Ma come ci ha spiegato Romano Prodi in una recente intervista, gli Stati membri del Nord fanno da sempre ostruzionismo. Preferiscono i muri ai ponti.    

I vostri commenti
89

Stai visualizzando  dei 89 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo