Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
 

Muti apre il Mar rosso

03/12/2010  Il direttore inaugura la stagione dell'Opera di Roma con "Moïse et Pharaon" di Rossini, già presentato a Milano nel 2003: uno spettacolo unitaro che associa orchestra, coro e solisti.

Mosè di Rossini è giunto per la prima volta all’Opera di Roma nella versione originale francese, Moïse et Pharaon. L’importanza di questa “prima”, che ha coinciso con la prestigiosa inaugurazione della stagione lirica, è consistita soprattutto nella rinnovata presenza sul podio romano di Riccardo Muti, guida assolutamente indispensabile per un’opera siffatta, già da lui presentata con grande successo nel 2003 a Milano.

Muti, refrattario al versante belcantistico rossiniano, trova dunque in Moïse, come pure in Guglielmo Tell, le circostanze più propizie per imporre la propria visione rigorosamente unitaria che associa orchestra e coro in un tutto organico che coinvolge anche i solisti di canto. A cominciare dal protagonista: il basso Ildar Abdrazakov possiede sì intelligenza di canto (ma il trillo che costò mesi di studio al grande De Angelis sarà per un’altra volta) e sensibilità d’interprete, ma forse non l’autorevolezza vocale richiesta. Quella che senza dubbio hanno i suoi avversari egizi, impersonati da Nicola Alaimo (Faraone) e Riccardo Zanellato (Osiride).

Sul versante femminile spicca la prestazione esemplare di Sonia Ganassi, mentre la georgiana Anna Kasyan è apparsa in evidente difficoltà nella grande aria del quarto atto. Completavano decorosamente il cast i tenori Eric Cuttler e Juan Gatell. Sugli scudi il magnifico coro, addrestrato da Roberto Gabbiani. La parte visiva, culminata nello spettacolare attraversamento del Mar Rosso, si è valsa dell’esperienza e della professionalità di Pier’Alli.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo