Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 26 maggio 2024
 
CHIESA
 

«Natale non è la tavola apparecchiata per la festa»

14/12/2014 

Un appello contro il consumismo a Natale e uno per il lavoro per tutti, compresi i rom. Il pomeriggio di Papa Francesco alla parrocchia romana di San Giuseppe all’Aurelio è una festa e una riflessione attorno alla crisi. E’ la parrocchia dei padri oblati di San Giuseppe d'Asti, fondati da san Giuseppe Marello, nato a Torino nel 1844, canonizzato da Karol Wojtyla, che passò l'infanzia a San Martino Alfieri, il paese dove nacque la bisnonna paterna di Jorge Mario Bergoglio. Prima di celebrare la messa Papa Francesco ha incontrato un gruppo di rom e di persone indigenti che da anni sono seguiti dai volontari della parrocchia e della Comunità di sant'Egidio. Ha invitato a non perdere la speranza e ha aggiunto l’importanza che sia “lavoro per tutti”. Poi all’omelia ha spiegato che "un bel pranzo di Natale non è la vera gioia cristiana": "Non è con il consumismo che ci prepariamo alla festività del Natale.

Non arriviamo al 24 dicembre dicendo 'mi manca questo, mi manca quello. Questa non è la vera gioia cristiana". Il Papa ha proposto un modo diverso per prepararsi al Natale:"Preghiamo in questi giorni, rendiamo grazie a Dio e poi pensiamo dove posso andare a portare sollievo a chi soffre". Il Papa ha anche ricordato che lui fu battezzato proprio il giorno di Natale, otto giorni dopo essere nato, 78 anni fa. Nella parrocchia ha incontrato malati e i bambini battezzati quest’anno con i loro genitori, oltre ai ragazzini che si stanno preparando alla prima comunione. A loro ha ricordato che quest’anno ricorrono i 70 della sua prima comunione, l’8 ottobre 1944: “A quel tempo, prima della Messa, tu non potevi nemmeno bere un goccio d’acqua… È stato Pio XII che ci ha salvato da questa dittatura”, ha sorriso. Poi ha detto ai bambini: “Voi che farete la prima comunione ricordate sempre, tutta la vita, quella giornata: il primo giorno che Gesù è venuto, perché lui viene, si fa uno con noi, si fa nostro cibo, nostro pasto”. Ai genitori dei bambini appena battezzati ha detto che i bambini in  chiesa anche se piangono non disturbano anzi ha spiegato che il rumore dei bambini “è la migliore predica”.

Tag:
Multimedia
Il Papa alla parrocchia romana di S. Giuseppe all'Aurelio: «Se i bimbi piangono mai cacciarli dalla chiesa»
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo