Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 15 giugno 2024
 
Non solo doni
 

Natale oltre la letterina: insegniamo la generosità ai nostri figli

19/12/2018 

In questo Natale, vorrei che i miei fi gli andassero al di là della solita letterina con la richiesta di regali. Ci saranno naturalmente i doni sotto l’albero, ma vorrei che vivessero anche un’esperienza concreta di gratuità e attenzione agli altri. All’oratorio fanno fare loro una raccolta fondi per i bambini di una missione in Africa, ma il tutto si traduce nel chiedere a noi adulti una moneta da infi lare nel salvadanaio. Mi sembra che il concetto di gratuità e solidarietà, che un tempo respiravamo nelle nostre case e famiglie con tantissimi gesti quotidiani di attenzione agli altri, fossero essi vicini di casa, o parenti anziani, o anche solo i bambini del vicino di pianerottolo da accudire, oggi non esista più.

STELLA

Cara Stella, hai proprio ragione: i nostri figli della gratuità e della solidarietà sanno poco o niente. Anche quelli che hanno una famiglia che crede in certi valori e li vuole sostenere. Molte volte aderiamo ad attività che ci portano a tirare fuori dalle tasche una o due monete: ma lo facciamo senza alcuna partecipazione reale, senza occuparci e pre-occuparci veramente della persona a cui stiamo donando qualcosa. Del resto, siamo circondati da persone che hanno come valore il successo e il denaro e i nostri stessi politici, spesso, usano un linguaggio e si rendono testimoni di azioni e discorsi in cui la solidarietà non esiste, sottolineando solo il tema della tutela dei diritti acquisiti e mai quello della cooperazione vera e della condivisione con chi soffre e ha bisogni speciali. E poiché nessuno insegna più ai nostri ragazzi a fare niente per niente, “Quanto mi dai?” diventa una frase che spesso i nostri stessi figli, fin da bambini, rispondono a noi genitori o ai nonni, quando gli chiediamo un favore. Giustamente, come scrivi tu, almeno nel periodo di Natale è tempo di imparare ad alzare lo sguardo. Identificate una persona del vostro quartiere che versa in condizioni difficili, perché malata o perché povera e ogni giorno, da qui a Natale, fate insieme una bella cosa per lei. Una visita pomeridiana, un dolce per la merenda, una poesia imparata da recitare a memoria, una telefonata serale per augurare la buonanotte. Fate sperimentare la bellezza della gratuità ai bambini e scoprirete che proveranno una gioia enorme di fronte alla bellezza di essere stati generosi e disponibili. Guardate insieme A Christmas Carol e discutete intorno alla figura di Mr Scrooge, un uomo ricco e avaro che non dà mai niente, ma che vive profondamente solo e infelice. Poi, chiedi ai tuoi figli di donare un loro gioco o libro a un centro di solidarietà che li raccoglie per donarli a bambini bisognosi.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo