Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
 

«Nei santuari il pellegrino è a casa sua»

21/01/2016  Il Papa chiude il Giubileo degli operatori dei pellegrinaggi, primo grande evento dell'Anno Santo della Misericordia con una lezione sulla religiosità popolare che va promossa e valorizzata.

Il santuario della Madonna di Pompei. Foto Ansa. Nella copertina: pellegrini arrivano davanti al santuario di Santiago de Compostela, in Galizia (Spagna). Foto Reuters. In alto: un momento dell'udienza del Papa con chi lavora nei santuari. Foto Ansa.
Il santuario della Madonna di Pompei. Foto Ansa. Nella copertina: pellegrini arrivano davanti al santuario di Santiago de Compostela, in Galizia (Spagna). Foto Reuters. In alto: un momento dell'udienza del Papa con chi lavora nei santuari. Foto Ansa.

La religiosità popolare va sempre promossa e valorizzata e “andare pellegrini ai santuari è una delle espressioni più eloquenti della fede del popolo di Dio, e manifesta la pietà di generazioni di persone, che con semplicità hanno creduto e si sono affidate all’intercessione della Vergine Maria e dei Santi”. Bergoglio fa lezione al Giubileo degli operatori dei pellegrinaggi e spiega che “questa religiosità popolare è una genuina forma di evangelizzazione, che ha bisogno di essere sempre promossa e valorizzata, senza minimizzare la sua importanza”. Dà il via con l’udienza ai rettori dei santuari, parroco e operatori del turismi religioso al primo dei cosiddetti grandi eventi del Giubileo, tre giorni di preghiera e di riflessione.

Il santuario della Natività a Betlemme, in Terra Santa. Foto Ansa.
Il santuario della Natività a Betlemme, in Terra Santa. Foto Ansa.

Papa Francesco spiega il senso del pellegrinaggio e il ruolo del santuari: “Nei santuari la nostra gente vive la sua profonda spiritualità, quella pietà che da secoli ha plasmato la fede con devozioni semplici, ma molto significative. Pensiamo a come si fa intensa, in alcuni di questi luoghi, la preghiera a Cristo Crocifisso, o quella del Rosario, o la Via Crucis… Sarebbe un errore ritenere che chi va in pellegrinaggio viva una spiritualità non personale ma di massa”. Sottolinea che chi entra in un santuario “sente subito di trovarsi a casa sua, accolto, compreso, e sostenuto”. La parola chiave per ogni rettore è dunque “accoglienza”. Sorride il Papa: “Con l’accoglienza ci giochiamo tutto”. Aggiunge che ci vuole anche “pazienza” e che l’accoglienza è  “davvero determinante per l’evangelizzazione”: “A volte, basta semplicemente una parola, un sorriso, per far sentire una persona accolta e benvoluta. Il pellegrino che arriva al santuario è spesso stanco, affamato, assetato. E tante volte questa condizione fisica rispecchia anche quella interiore. Perciò, questa persona ha bisogno di essere accolta bene sia sul piano materiale sia su quello spirituale. È importante che il pellegrino che varca la soglia del santuario si senta trattato più che come un ospite, come un familiare. Deve sentirsi a casa sua, atteso, amato e guardato con occhi di misericordia. Chiunque sia, giovane o anziano, ricco o povero, malato e tribolato oppure turista curioso, possa trovare l’accoglienza dovuta, perché in ognuno c’è un cuore che cerca Dio, a volte senza rendersene pienamente conto”. Poi il Papa ha accennato alla confessione: “I sacerdoti che svolgono un ministero nei santuari devono avere il cuore impregnato di misericordia; il loro atteggiamento deve essere quello di un padre”.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo