logo san paolo
giovedì 09 dicembre 2021
 
 

Nella confessione perché dettagliare tutti i peccati?

05/03/2017  Un lettore si domanda perché non sia sufficiente un atto di dolore generale. La risposta del teologo.

LEONARDO E. Nella confessione non si potrebbe pronunciare davanti al sacerdote, con cuore sincero, un atto di dolore generale senza andare nei particolari dei peccati?

Dio non ha bisogno della lista dettagliata dei nostri peccati; li conosce tutti e anche meglio di noi perché lui vede nel cuore. Neppure il sacerdote, salvo patologie personali, ha interesse a conoscere tutti i dettagli, se non quelle circostanze che aggravano o diminuiscono la colpa. Siamo noi che, spinti dal sincero pentimento, sentiamo il bisogno di dire nella sua essenzialità, senza inutili dettagli, il male commesso. È un bisogno fondato sulla nostra natura ogni volta che chiediamo scusa. Anche la vergogna manifesta la sincerità del pentimento ed è essa stessa una forma di penitenza. Il sacramento della Penitenza è prescritto per chi è consapevole di peccato grave. Ma non dimentichiamo che la confessione sacramentale anche dei peccati non gravi è sempre un incontro con la misericordia del Signore che impedisce la cronicizzazione delle nostre cattive abitudini e ci conferma nel cammino di conversione.

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo