Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 
Giornata dei nonni 2022
 

«Nella vecchiaia daranno ancora frutti», pubblicato il tema della Giornata dei nonni 2022

16/02/2022  Un testo pubblicato il 15 febbraio scorso dal Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita indica negli anziani delle preziose risorse per tutta la società e invita le realtà ecclesiali a preparare degli eventi per favorire l'incontro fecondo tra le generazioni

Papa Francesco presso la Biblioteca del Palazzo Apostolico, in Vaticano, il 31 gennaio 2021, giorno in cui ha istituito la Giornata dei nonni e degli anziani
Papa Francesco presso la Biblioteca del Palazzo Apostolico, in Vaticano, il 31 gennaio 2021, giorno in cui ha istituito la Giornata dei nonni e degli anziani

È stato reso noto ieri, 15 gennaio, dal Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita il tema della seconda Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani, che sarà celebrata domenica 24 luglio 2022. Il tema scelto dal Pontefice è «Nella vecchiaia daranno ancora frutti», citazione del salmo 92, che intende sottolineare come i nonni e gli anziani siano un valore e un dono per tutta la società umana, oltre che per le comunità cristiane.

La Giornata è stata indetta da papa Francesco nel 2021 per sensibilizzare sull’importanza delle persone anziane in una società, soprattutto in Occidente, che tende spesso, a causa di un efficientismo disumano e di uno stile di vita quotidiano sempre più avaro di tempo, a considerarli più un problema che una risorsa.

La data della Giornata si colloca volutamente in prossimità del 26 luglio, memoria dei santi Gioacchino e Anna, genitori di Maria e nonni di Gesù.

Il tema scelto è ancora una volta l’invito a valorizzare i nonni e gli anziani, spesso tenuti ai margini della società nelle sue varie articolazioni: famiglie, comunità civili, comunità cristiane. La loro esperienza di vita e di fede, invece, è decisiva per edificare comunità umane non soggette al pericolo dell’oblio della memoria ma, invece, sempre più coscienti, soprattutto tra i più giovani, delle proprie radici e dei valori che fanno parte del comune patrimonio di fede, civile e politico – come anche del nostro vivere quotidiano e delle regole che ne segnano il cammino – che sono costate alle generazioni precedenti costi altissimi e grande sacrificio. Cogliere i frutti maturi che donano gli anziani significa, in una parola, arricchirsi vicendevolmente. Unire le generazioni vuole dire capacità di sognare un avvenire più solidale e umano.

L’invito del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita è rivolto alle parrocchie, alle diocesi, alle realtà associative e a tutte le comunità ecclesiali nel mondo affinché  trovino, anche attraverso appositi strumenti pastorali che verranno successivamente messi a disposizione, delle occasioni per celebrare la Giornata nel proprio contesto pastorale.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo