Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 
Il Teologo
 

Nell’Ave Maria non è meglio “grembo” invece di “seno”?

19/02/2019 

ROSALBA M. - Non è più corretto nell’Ave Maria dire «frutto del tuo grembo» invece di «del tuo seno»?

Nell’originale greco del testo delle parole che Elisabetta rivolge a Maria, troviamo la parola koilìa (cfr. Lc 1,41-42): essa ha il significato generico di “cavità” e, a seconda dei contesti, può indicare “ventre/addome/grembo”, o più genericamente “viscere/seno”, anche nel senso dell’intimo dell’uomo (cfr. Gv 7,38; con un’accezione negativa si trova in Fil 3,19: «il ventre è il loro dio»). La frase «il frutto del tuo seno» che si trova nell’Ave Maria non è sbagliata, tuttavia in italiano la parola “seno” ha come prima accezione il petto di una donna, non il grembo. In quel contesto, di una donna incinta com’è Maria, “grembo” sarebbe più adeguata. Questa d’altronde è la traduzione della Bibbia Cei, che forse un giorno potrà essere recepita nella preghiera mariana.

(In alto: la Madonna del libro di Botticelli, Google Art Project)

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo