logo san paolo
lunedì 29 novembre 2021
 
 

Nessuno bruci il Corano

08/09/2010  L'iniziativa di un pastore protestante americano spaventa il mondo, La condanna del Vaticano e dell' Onu. Non si ricordano così le vittime dell' 11 settembre.

Una copia del Corano
Una copia del Corano

Per il Vaticano sarebbe un gesto di “grave oltraggio al libro sacro di una comunità religiosa”. La proposta di bruciare il Corano l’11 settembre partita da una piccola chiesa evangelica della Florida per ricordare le vittime degli attacchi alle Torri Gemelle, preoccupa il mondo intero. E’ intervenuta la Santa Sede, ha parlato di atto “vergognoso” Hilary Clinton, il segretario di Stato americano, la Casa Bianca è preoccupata, il generale Petraeus, comandante delle Forze internazionali in Afghanistan ha denunciato che la vita dei soldati della coalizione sarebbe messa in pericolo. L’Onu è indignato, per i vescovi iracheni si tratta di un gesto “irresponsabile e immorale”, per i vescovi tedeschi una “provocazione inaccettabile”.

L’Osservatore romano ha ammonito: “Nessuno bruci il Corano”. Tutto il mondo arabo ha condannato e la prestigiosa università del Cairo Al-Azhar ha osservato che sarebbe un duro colpo all’immagine degli Usa e non farebbe che aumentare il terrorismo, anzi si darebbe una nuova opportunità ad esso. Ma il pastore battista statunitense Terry Jones, 63 anni incurante di tutti gli appelli va avanti per organizzare l’11 settembre il “Koran burning day”, il giorno del falò del Corano. Ha invitato i fedeli a raccogliersi nelle piezza e pregare bruciando ognuno una copia del libro sacro. Stravolgendo le parole del Vangelo ha spiegato che Gesù ha detto che “c’è un tempo per la diplomazia e un tempo per l’ira”, adducendo come esempio la cacciata dei ladroni dal Tempio. Negli Stati Uniti le principali organizzazioni musulmane hanno invitato a non prendere sul serio le parole del reverendo, insomma a lasciar perdere ogni reazione. E un Iman ha proposto invece di pregare con il Corano proprio per le vittime dell’ 11 settembre.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo