Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
Tv via Internet
 

Netflix, facile abbonarsi ma che delusione le Serie Tv

23/10/2015  Ci siamo iscritti alla nuova televisione in streaming proprio nel primo giorno di debutto del servizio in Italia. Un punto a favore è la facilità con cui ci si abbona e ci si collega. Ma l'offerta per ora è piuttosto scarsa. Per esempio: Downton Abbey, il capolavoro in costume frutto di una produzione anglo-americana su Netflix è presente con solo le prime tre stagioni. Che qualunque appassionato ha già visto e rivisto.

Primo giorno dell’era Netflix, cioè del giorno in cui per i serie-tv dipendenti si concretizza la possibilità di accedere come e quando si vuole alle proprie serie e sit-com del cuore. Senza dover aspettare l’orario o consultare i programmi Tv per sapere quando e dove verrà trasmessa la singola puntata. Ed è con queste aspettative che mi sono avvicinata ieri, 22 ottobre, a questa novità in Italia ma di cui ho sentito parlare con grande entusiasmo da parenti e amici che hanno vissuto negli Stati Uniti.

Un punto a favore è la facilità con cui ci si abbona e ci si collega. A prova di imbranati digitali. Un facile account sul sito della Netflix, l’offerta di un mese gratuito, una app da scaricare e il gioco è fatto. Tra l’altro scoprendo che è possibile vedere i programmi non solo da smartphone, tablet e pc (che diciamolo non sarebbe il massimo della comodità e della buona visione) ma dal nostro televisore, nonostante non sia una smart tv di ultima generazione. E questo grazie alla presenza del wi-fi in casa e a un piccolo dispositivo, Chromecast, che permette di collegare la Tv a Internet. Dopo di che, attraverso uno smartphone o un tablet, si gestisce la scelta del prodotto da vedere.

Il tutto è avvenuto con rapidità e chiarezza da parte di Netflix e con una spesa, nel caso l’iscrizione venga confermata, tutto sommato alla portata di molti (tre fasce di prezzo: 7,99, 9,99 e 11,99 euro al mese). Sperando che, nel caso non si resti soddisfatti , sia possibile disdire l’abbonamento a questo servizio con la stessa facilità e velocità. Vogliamo essere ottimisti ma la possibilità che succeda c’è. Il punto dolente è, per ora, proprio l’offerta. Certo, siamo al primo giorno ma l’archivio cui accedere non è come mi sarei aspettata. Non sono appetibili i titoli dei film e neppure numericamente significativi. Ma soprattutto, per chi è in attesa di poter finalmente “possedere” per intero le sue serie tv preferite, possono esserci delle sgradite sorprese.

Un esempio? Downton Abbey, capolavoro in costume frutto di una produzione anglo-americana, passato in malo modo, con molti tagli, sino alla quarta stagione su Mediaset e ormai alla sesta stagione nel Regno Unito. bene: su Netflix è presente con solo le prime tre stagioni. Che qualunque appassionato ha già visto e rivisto. Lo stesso vale per il divertentissimo How I met your mother. Le prime otto stagioni passano e ripassano tra Mediaset e i canali Fox su Sky. Chi è in attesa del gran finale della nona stagione e spera di vederla grazie a Netflix per ora resterà deluso. I 24 episodi tanto attesi non sono in programma. Se l’ammistratore delegato Ted Sarandos ha intenzione di raggiungere la cifra di 5 milioni di famiglie iscritte al servizio streaming, forse è il caso di aggiornare e arricchire la propria offerta.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo