Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 
Israele
 

Niente Cammino, solo preghiera

19/11/2014  Cancellato per ragioni di sicurezza il Cammino da Betlemme a Gerusalemme. Ma l'Opera Romana Pellegrinaggi lo trasforma in una "accorata preghiera per la pace" nelle due città.

Reuven Rivlin, presidente di Israele, rende omaggio alla bara di uno dei caduti nell'attentato alla sinagoga (Reuters).
Reuven Rivlin, presidente di Israele, rende omaggio alla bara di uno dei caduti nell'attentato alla sinagoga (Reuters).

Israele,
dal nostro inviato


Cambia programma il Cammino Internazionale di Pace programmato per giovedì 20 novembre dall’Opera Romana Pellegrinaggi. La situazione di tensione che vive Gerusalemme dopo il sanguinoso agguato nella sinagoga del quartiere di Har Nof ha imposto la cancellazione del Cammino previsto da Betlemme a Gerusalemme. Ma l’iniziativa resta in piedi e si trasforma in una “accorata preghiera” per la pace, nello spirito dell’appello rivolto da papa Francesca nell’udienza generale del 19 novembre.

Per i pellegrini partiti dall’Italia la giornata comincia con un momento di preghiera nella chiesa di Santa Caterina a Betlemme, dove saranno distribuiti dei ramoscelli d’ulivo. Alla preghiera parteciperà anche la comunità palestinese. Quindi i pellegrini si sposteranno in pullman a Gerusalemme dove si svolgerà una Via Crucis dal Convento della Flagellazione alla Basilica del Santo Sepolcro. Monsignor Liberio Andreatta, presidente dell’Opera Romana Pellegrinaggi, spiega: “Ripercorreremo attraverso la passione di Cristo l’atroce sofferenza umana che stanno vivendo queste popolazioni nelle ultime ore, pregheremo con loro e per loro perché l’odio non può e non deve avere l’ultima parola”.

Dopo la Via Crucis i partecipanti all’iniziativa si ritroveranno al Notre Dame Center per un momento di preghiera insieme alla comunità israeliana.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo