logo san paolo
sabato 18 settembre 2021
 
L'appello
 

Nino Castelnuovo, malato e povero, e gli altri artisti caduti in disgrazia

23/04/2018  Colpito da un problema agli occhi, e ipovedente, l'attore attende da un anno l'assegno di invalidità. In stato di povertà anche altri personaggi noti, come Luciana Turina, Leopoldo Mastelloni e Flavio Bucci

Una vita di successi, la fama, gli onori,  e poi, quando l’età avanza, complici investimenti sbagliati, o la mancanza di una pensione, cadono in disgrazia. È la triste sorte di molti personaggi dello spettacolo. L’ultimo caso è quello di Nino Castelnuovo, attore di televisione e teatro, noto per essere stato il Renzo dei Promessi sposi di Sandro Bolchi, e l’atletico protagonista dello spot dell’olio Cuore. Ora che ha 81 anni e e una salute malferma, si trova ricoverato in ospedale in attesa che arrivi l’assegno di invalidità. Ne ha parlato la moglie Cristina Di Nicola dai microfoni de Il Sabato Italiano, il programma di Rai1 condotto da Eleonora Daniele. «Da tanto tempo problemi agli occhi e ultimamente si è aggravato", e lancia un accorato appello ai politici perché "s'interessino di più ai problemi della vita vera". «Il suo desiderio» ha spiegato la moglie dell'attore «è sempre stato lavorare nonostante il suo problema, ma negli anni è diventata una battaglia contro i mulini a vento... si è trovato molte porte sprangate, si è anche un po' depresso». «
«Abbiamo una rete familiare ridotta, Nino ha una sorella in Lombardia e un figlio che vive in Scozia. Quindi siamo rimasti soli, al di là di pochi amici che sono venuti a trovarlo». Eleonora Daniele ha ricordato che al momento l'attore si trova in difficoltà economiche per il mancato arrivo dell'assegno di invalidità. «Ho seguito l'iter regolare, è stata riconosciuta un'invalidità al 100 per cento, in prima battuta, ma non è stato riconosciuto l'assegno di accompagnamento. L'avvocato ci ha consigliato di fare ricorso. La commissione l'ha visitato nel marzo dell'anno scorso e ha riconosciuto l'indennità. Ci aspettavamo per gennaio, massimo febbraio, questo piccolo aiuto, con anche gli arretrati, ma c'è un ritardo e dobbiamo aspettare. Mi dispiace perché lui ha dato tanto alla cultura, allo spettacolo e agli amici, mi sembra un po' ingiusto». «Nino lo conoscono tutti» ha concluso la moglie dell'attore »e può parlare anche attraverso di me e di chi lo conosce, ma ci sono tante persone che si trovano in difficoltà e non hanno aiuti. Faccio un appello alla classe politica, s'interessassi un po' di più a questi problemi di vita vera».

Ospite nella stessa trasmissione anchel'attore e cantante  Leopoldo Mastelloni, 73 anni, costretto a vivere con una pensione minima e a ricorrere all’aiuto degli amici per pagare l’affitto. Anche lui rivendica la dignità il diritto a economiche dignitose per chi ha speso la sua vita per l’arte e che non vorrebbe fare la fine di Isabella Biagini, l’attrice morta pochi giorni fa sola e malata a 74 anni. Ma sono molti di attori e cantanti in difficoltà. Come Luciana Turina, 71 anni, che ha più volte denunciato le sue condizioni difficili e che proprio in questi giorni è tornata a cantare dopo oltre trent'anni di silenzio discografico con un nuovo singolo, dal titolo “Terra” scritto da Moreno Rossi.
Vive con 511 euro di pensione al mese Barbara Bouchet, icona sexy e madre dello chef televisivo Alessandro Borghese. Si muove a fatica usando un bastone e vive in una casa riposo l’attore Flavio Bucci, 71 anni, indimenticato interprete di Ligabue. 
Per le personalità del mondo della cultura e dello spettacolo da tempo è stata istituita la legge Bacchelli che assicura un vitalizio a chi versa in situazioni di povertà. Ne beneficia, tra gli altri,  dal 2014 la cantante Lara Saint Paul.
Giunsero in extremis  i benefici della legge Bacchelli a Umberto Bindi, che molto malato di cuore morì solo un mese dopo nel 2002.

I vostri commenti
18
scrivi

Stai visualizzando  dei 18 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%