Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 
Mediterraneo
 

No alla guerra, sì a una Libia unita

02/03/2016  Il processo di creazione di un Governo libico è stato lentissimo. Ma è la direzione giusta

Guerra alle porte per l’Italia in Libia? Alcuni lo auspicano per battere l’Isis e stabilizzare il Paese. Altri se lo aspettano. Noi lo temiamo, anche se siamo preoccupati per le infiltrazioni dell’Isis e per la frammentazione delle forze libiche. Ci ricordiamo dell’intervento italiano in Libia nel 2011, a seguito di Francia e Gran Bretagna. Bisognerebbe fare una seria autocritica per quell’azione avvenuta senza progetti sul futuro del Paese, con quelle decisioni internazionali a catena, in cui si è trascinati dalla logica «si deve essere presenti sul terreno, quando ci sono i nostri alleati» e «bisogna tutelare i nostri interessi» e via dicendo. In cinque anni la Libia si è frantumata. Ci si augura che il nuovo Governo riesca a innescare un processo di ricomposizione. Su questo bisogna continuare a lavorare.
Alcuni ritengono che la Libia non si ricomporrà più e sarà necessario riconoscerne la divisione in tre aree: Tripolitania, Cirenaica e Fezzan. Possibile. Si ritornerebbe a una situazione simile a prima della conquista italiana nel 1911: ci vollero 100 mila soldati per battere i turchi e i libici: la conquista si fermò alla Tripolitania e alla zona costiera. Solo nel 1931 si completò l’occupazione italiana –con molta violenza – e quindi l’unificazione. La Libia unita è durata 80 anni: ora è un Paese diviso, ma che ancora aspira all’unità.
Oggi l’infiltrazione dell’Isis è invocata per motivare l’impegno militare italiano. Ci ricordiamo tutti della terribile esecuzione dei 21 cristiani copti d’Egitto: un messaggio agli europei con la minaccia anche di conquistare Roma. Certo, la Libia è vicina all’Italia. Si dice: avremo l’Isis sotto casa e non possiamo restare inerti. Non è detto però che la strada per colpire l’Italia sia la Libia. Speriamo non succeda mai. La presenza dell’Isis è un fatto inquietante e forse sarà all’origine di azioni mirate. Si deve però stare attenti a ogni forma di guerra, che darebbe all’Isis uno statuto simmetrico ai nostri Paesi e che soprattutto gli varrebbe consensi in Libia.
Finora l’Italia ha contribuito in modo determinante a far reggere l’embargo sulle armi pesanti in Libia. Il processo politico di creazione di un Governo libico, quanto più unitario, è stato di un’estenuante lentezza. È però la direzione giusta, cui non rinunciare. I libici debbono trovare una dimensione unitaria, con l’aiuto dell’Italia e degli altri Paesi. E sono loro a dover lottare per liberare il loro Paese dall’Isis e da altre presenze indesiderabili.

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo