logo san paolo
giovedì 28 ottobre 2021
 
 

Onu contro Gheddafi, Europa a pezzi

18/03/2011  La "no fly zone" segna la messa al bando del regime di Tripoli ma potrebbe arrivare troppo tardi per i ribelli di Bengasi. Germania e Francia si dividono.

A Bengasi, i ribelli anti-Gheddafi fanno il segno della vittoria dopo l'annuncio della Risoluzione Onu.
A Bengasi, i ribelli anti-Gheddafi fanno il segno della vittoria dopo l'annuncio della Risoluzione Onu.

Con la Risoluzione 1973, approvata dal Consiglio di sicurezza dell'Onu con il "sì" di 10 Paesi e l'astensione di Russia, Cina, Germania, India e Brasile, la comunità internazionale ha disconosciuto in modo definitivo e irreversibile il regime di Muhammar Gheddafi. La Libia, da ieri, è di fatto equiparata all'Iraq di Saddam Hussein (dove la no fly zone venne istituita nel 1991), alla Bosnia assediata dai serbi (1993) e al Kosovo occupato da Milosveci (1999). 

     Il documento, come ormai si sa, autorizza la realizzazione di una "no fly zone" (zona sottoposta a blocco aereo) e l'uso di "tutte le misure necessarie" per "proteggere i civili e le aree civili popolate sotto minaccia di attacco in Libia, compresa Bengasi". La stessa Risoluzione impone misure ancora più di embargo militare ed economico (compreso il blocco delle finanziarie libiche e della compagnia petrolifera nazionale) ma esclude qualunque forma di occupazione armata.

 

Un Tornado, uno dei velivoli che la Nato potrebbe impiegare contro l'aviazione di Gheddafi.
Un Tornado, uno dei velivoli che la Nato potrebbe impiegare contro l'aviazione di Gheddafi.

     Fronte atlantico contro Paesi emergenti

     Il provvedimento è di incerta efficacia, come i precedenti dimostrano: Gheddafi lo sa e infatti ha subito proclamato un "cessate il fuoco" che non gli impedisce azioni più mirate e difficili da rilevare. La Risoluzione, inoltre, arriva tardi, dopo settimane di esitazioni e trattative diplomatiche. Forse troppo tardi per salvare quell'abbozzo di Governo alternativo a Gheddafi che nel frattempo si era formato a Bengasi, ma comunque in tempo per dare il colpo di grazia alla sopravvivenza politica del regime del Rais.

    E' degno di nota il fatto che la Risoluzione è stata promossa e appoggiata dal tradizionale "fronte Atlantico" formato da Usa e Gran Bretagna e dalla Francia di Sarkozy, mentre è stata tiepidamente tollerata dai Paesi economicamente emergenti, senza distinzione di continente. L'astensione di Germania e Russia (Europa), Cina e India (Asia) e Brasile (America del Sud) indica con chiarezza la preoccupazione che la sponda Sud del Mediterraneo, con la sua ricca dote di rilevanza geostrategica e ricchezze energetiche, possa diventare una sorta di "protettorato" americano, viste le salde teste di ponte politiche che la Casa Bianca, negli ultimi tempi, è riuscita a costruire nell'Egitto della cacciata di Hosni Mubarak e nella Tunisia della cacciata di Ben Alì. Al contrario, l'adesione compatta dei Paesi dell'Africa (nel Consiglio di sicurezza siedono, come membri temporanei, Nigeria, sudafrica e Gabon) testimonia dell'esatto contrario, e dell'insofferenza maturata nei confronti di Gheddafi.

   

Giovani sostenitori di Gheddafi a Tripoli.
Giovani sostenitori di Gheddafi a Tripoli.

     Europa con le ossa rotte

     L'Europa esce da questa crisi con le ossa rotte. Due Stati dell'Unione Europea la rappresentano el Consiglio di Sicurezza, Germania e Francia: hanno votato in modo diverso. La Russia, altro membro permanente del Consiglio, si è schierata col fronte asiatico, memore dei propri interessi petroliferi. Difficile peraltro aspettarsi un esito diverso da quando, con le elezioni del 2009, il Governo dell'Unione è passato in larga parte a partiti di centrodestra fino ad allora palesemente euroscettici o a movimenti di destra a forte carattere nazionalista o, addirittura, localista. Mai l'Unione Europea è stata così lontana dall'avere una politica estera comune.

    Resta ora da vedere che cosa potrà concretamente avvenire sul terreno, in Libia. Se la Risoluzione Onu sarà applicata con vigore, i ribelli di Bengasi avranno respiro e potranno riorganizzarsi. Gheddafi, per converso, resterà leader, ma di un Paese amputato di una parte non secondaria. In prospettiva, gli Usa potrebbero voler ripetere le esperienze del Kosovo (diventato, di fatto, un governatorato Usa) e del Sud Sudan, portato all'indipendenza da una lunga e tenace opera diplomatica. Ma questo è già un ipotetico futuro. L'oggi parla di un Gheddafi ancora capace di tenere in scacco le stesse nazioni che si erano precipitate a rifornirlo di armi e quattrini e a nominarlo custode unico della politica migratoria dell'Europa.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%