logo san paolo
venerdì 04 dicembre 2020
 
Terrorismo
 

Noi, oltre la notte di piombo

29/10/2015  Ex terroristi e parenti delle vittime hanno avviato un intenso cammino di incontri per ricomporre la memoria. Tra i partecipanti c'era anche la nostra giornalista. Ecco il racconto di quei lunghi sette anni alla ricerca della luce.

È dietro la porta del San Fedele, a Milano, che comincia il piccolo miracolo. Si parla di lotta armata, si parla di dolore, di rabbia, di vite spezzate, di giustizia. Si parla di parole. Perché non c’è mai quella giusta per definire quel che il nostro Paese ha attraversato tra la fine degli anni Settanta e gli Ottanta. Non c’è mai quella giusta per dare etichette alle persone, nome al dolore. Ma, al di là delle definizioni, qui c’è una storia di sangue che comincia a guardarsi in faccia. Seduti gli uni accanto agli altri, vittime ed ex esponenti della lotta armata si incontrano senza barriere. A osservarli sembra impossibile e normale al tempo stesso. Dopo anni di incontri separati con il gesuita padre Guido Bertagna, all’improvviso qualcosa è scattato. E adesso sono qui, insieme, all’inizio di un percorso che li porterà lontano. Ma ci è voluta pazienza e sapienza – quella di padre Guido e quella di Claudia Mazzucato e Adolfo Ceretti, esperti di giustizia riparativa – perché quel piccolo nucleo che aveva cominciato a incontrarsi nel 2008 diventasse, con gli anni, un cerchio sempre più grande. Perché si potesse arrivare insieme a pregare sulla tomba di Aldo Moro, con una delle figlie dello statista democristiano e alcuni degli uomini della strage di via Fani, a celebrare Messa dal cardinale Carlo Maria Martini per tutti i defunti di quegli anni, a prendersi cura gli uni dei figli degli altri. È felice l’arcivescovo emerito di Milano, nonostante la malattia che gli porta via la voce incontro dopo incontro. Quel gruppo, che intanto va arricchendosi di persone e storie, e nel quale riconosce molti che aveva incontrato in carcere negli anni di piombo, riprende e spinge più avanti quel percorso di dialogo che tanti uomini e donne di Chiesa – lui per primo – avevano esplorato negli anni più tesi della lotta armata.

Ci guarda in faccia uno a uno, ci scruta. Si fa fotografare in mezzo a noi. Ci incoraggia. Intanto al gruppo si sono uniti altri pezzi, giovani e studenti, testimoni di una storia che tenta di ricomporre le voci, le ferite, le memorie, le vite. Senza cancellare o mettere tra parentesi nulla. Senza dimenticare l’orrore, senza alleggerire i sensi di colpa, senza mentire sui propri sentimenti. Non è un percorso facile. Ed è una specie di miracolo anche la riservatezza che per sette anni custodisce, come si fa con un seme che aspetta di germogliare, gli scambi epistolari, le riunioni, la vita insieme dei week end residenziali.

Un miracolo che i parenti delle vittime arrivino a scrivere agli ex: «Pensiamo che abbiate diritto a essere riconosciuti per quello che siete oggi, e per la vita che vi siete saputi costruire; il riconoscimento di questo diritto è, in fondo, il motivo per cui si sono battuti e sono morti i nostri cari. Vogliamo dirvi che riteniamo importante e di grande valore dialogare con voi. E non temiamo di farlo anche se qualcuno – sbagliando – pensa che questo possa essere un modo per dare una legittimazione politica alla lotta armata».

Un miracolo che crescano amicizia e fiducia. Che si riesca a dire con i gesti l’indicibile che le parole non arrivano a pronunciare. Che si dia testimonianza, nelle scuole come in Terra Santa, che non c’è frattura che non possa essere guardata in faccia e superata, pur continuando a portare addosso lo squarcio della carne tagliata. «La Messa è il sacramento della riconciliazione, si riconciliano gli uomini con le cose e il mondo con Dio. Noi oggi celebriamo questa Messa pronunciando le stesse parole che ha detto Gesù 2 mila anni fa. E poi ciascuno di noi spazierà nel campo del mistero di Dio per conoscere la verità», dice Martini nell’ultima Messa che celebra con il gruppo nel novembre del 2011. Accanto a lui padre Guido e don Luigi Melesi, il cappellano di San Vittore che tanto ha contribuito a gettare ponti.

Oggi questa esperienza esce allo scoperto e diventa libro. Il libro dell’incontro, appunto. Con Agnese Moro e Franco Bonisoli, che firmano insieme il capitolo dedicato alla ricostruzione degli anni Ottanta e ai primi ponti di dialogo che andavano edificandosi. Un percorso consegnato ai lettori perché possano condividere e far propria, leggendone la storia, «una piccola, grande, speranza divenuta per noi un fatto tangibile e concreto: è possibile, nonostante tutto, cercare assieme la giustizia, ed è cercandola assieme che, forse, la si può almeno un poco avvicinare».

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 0,00 - 14%