Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
Donne
 

"Noi suore serve dei preti"

04/03/2018  La denuncia arriva dal mensile dell'Osservatore romano "Donna Chiesa Mondo": religiose a servizio anche di vescovi e cardinali trattate come domestiche senza stipendio

Sfruttate, umiliate, sempre a disposizione senza compenso o con una retribuzione minima. La denuncia della condizione delle suore che «vivono una profonda frustrazione o che provano una forte tensione interiore che le costringe ad assumere ansiolitic» arriva da Marie-Lucile Kubacki e trova spazio niente meno che sulle pagine del mensile dell'Osservatore Romano "Donne chiesa mondo". Nell'articolo, con nomi di fantasia si riportano le storie reali raccontate da suor Marie, arrivata a Roma dall'Africa una ventina di anni fa e che da allora accoglie religiose provenienti da tutto il mondo. Molte di loro a servizio nelle abitazioni di vescovi o cardinali, altre che lavorano in cucina in strutture di Chiesa o svolgono compiti di catechesi e d'insegnamento.
«Alcune di loro, impiegate al servizio di uomini di Chiesa, si alzano all'alba
per preparare la colazione e vanno a dormire una volta che la cena è stata servita, la casa riordinata, la biancheria lavata e stirata... In questo tipo di “servizio” le suore non hanno un orario preciso e regolamentato, come i laici, e la loro retribuzione è aleatoria, spesso molto modesta», si legge sulle pagine del mensile. Non solo, raramente quelle suore sono invitate a sedere alla tavola che servono. Allora chiede suor Marie: «Un ecclesiastico pensa di farsi servire un pasto dalla sua suora e poi di lasciarla mangiare sola in cucina una volta che è stato servito? È normale per un consacrato essere servito in questo modo da un'altra consacrata? E sapendo che le persone consacrate destinate ai lavori domestici sono quasi sempre donne, religiose? La nostra consacrazione non è uguale alla loro?». La suora denuncia anche la paura di parlare, di ribellarsi. Soprattutto nel caso di suore venute dall'Africa, dall'Asia e dall'America latina. Senza contare le storie che ciascuna si porta dietro: una madre malata le cui cure sono state pagate dalla congregazione della figlia religiosa, un fratello maggiore che ha potuto compiere i suoi studi in Europa grazie alla superiora...«Queste suore quindi si sentono in debito, legate, e allora tacciono. Tra l'altro spesso provengono da famiglie molto povere dove i genitori stessi erano domestici».

Multimedia
Gli auguri del vescovo di Lecce alle donne
Correlati
Gli auguri del vescovo di Lecce alle donne
Correlati
Dieci sante per l'8 marzo
Correlati
I vostri commenti
39

Stai visualizzando  dei 39 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo