Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
Il Teologo
 

«Non c’indurre...», il senso originario del verbo greco

19/05/2021 

Se la traduzione latina di san Girolamo non appare oggi più corretta, qual è il vero significato dell’originario verbo greco?

EDOARDO B.

La traduzione di san Girolamo era e resta letteralmente perfetta. All’originale greco eis-fero (= introduco, porto dentro) corrisponde esattamente il verbo latino in-duco (= introduco, induco). Il problema non sta tanto nella traduzione quanto nel significato che questo verbo ha assunto nelle lingue moderne: istigare, mentre nel linguaggio biblico intendeva semplicemente significare la signoria di Dio sulle libere decisioni umane. Sono note le conseguenze interpretative che a livello catechistico richiedevano in passato complesse e dotte spiegazioni non sempre possibili. È assai probabile che tale difficoltà fosse già presente per i fedeli verso la fine del primo secolo se la lettera di Giacomo deve scrivere: «Nessuno, quando è tentato, dica “sono tentato da Dio”; perché Dio non può essere tentato al male ed egli non tenta nessuno. Ciascuno piuttosto è tentato dalle proprie passioni, che lo attraggono e lo seducono » (Gc 1,13-14).

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo