logo san paolo
venerdì 19 agosto 2022
 
 

Non mi piace la frase «ho meritato i tuoi castighi»

27/03/2017 

ENRICO S. Non mi è mai andata giù l’espressione «perché ho meritato i tuoi castighi». Penso infatti che non deve essere la paura del castigo che ci esorta ad agire bene, così come non si dice al bambino di rispettare le cose del vicino perché quello se lo vede lo picchia. Ho 80 anni e trovo molto più bella la vecchia formula «cagione e morte...».

Alcuni trovano dif ficoltà con la formula tradizionale dell’atto di dolore. L’espressione «ho meritato i tuoi castighi» sembra far pensare a un Dio al quale attribuire disgrazie, malattie, prove incombenti per le colpe commesse. Tale persuasione è sbagliata e contraddice il volto di Dio che, in Gesù Cristo, non si è mai rivelato punitore, castigatore, vendicativo, ma sempre liberatore e salvatore. Il peccato grave ha già in sé stesso il suo castigo che è perdita volontaria dell’amicizia e comunione con Dio. Se la formula tradizionale, nonostante una corretta interpretazione, sembra oscurare il vero volto di Dio Padre, Misericordia e Perdono, perché non usarne altre? Il Rito della Penitenza (1974) ne propone più di una, anzi invita il penitente a dire l’atto di dolore con parole sue.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo