logo san paolo
venerdì 13 dicembre 2019
 
Fisco
 

Non paga l'Iva: assolto perché è colpa della crisi

25/10/2013 

Un imprenditore non paga l'Iva, viene denunciato dall'Agenzia delle Entrate. I suoi legali sostengono che la causa del mancato versamento è stata la difficile situazione economica della sua azienda e il giudice lo assolve. Non si tratta di un caso unico, ma quello accaduto all' imprenditore informatico di Milano ha fatto rumore per l'entità della somma non pagata: ben 180 mila euro.  Questi i fatti. L'Agenzia delle Entrate, dopo aver accertato l'omesso versamento, denuncia l'uomo alla Procura che con decreto penale lo condanna a sei mesi di reclusione, convertiti in una multa di 40 mila euro.  L'imprenditore fa ricorso chiedendo il rito abbreviato e di fronte al Gup Carlo De Marchi i suoi avvocati sostengono che l'Iva non è stata versata per l'impossibilità materiale di farlo "a causa della difficile situazione economica dell'impresa e, più in generale, della crisi finanziaria del Paese".

Per corroborare questa tesi, i legali aggiungono che "l'Agenzia delle entrate era stata doverosamente informata dal contribuente dell'importo Iva dovuto, motivo per cui non vi era stato l'intento di evadere".  Altrimenti, "non avrebbe nemmeno fatto la dichiarazione dei redditi". Il giudice ha accolto questa tesi, prosciogliendo l'imprenditore perché "il fatto non costituisce reato". Niente più condanna penale e conseguente multa, quindi, anche se ovviamente i 180 mila euro di Iva dovranno essere versati.

Si diceva prima che non si tratta dell'unico caso. Negli ultimi mesi altri imprenditori di Oderzo (Treviso), di Firenze e di Venezia sono stati assolti dopo aver omesso di pagare l'Iva perché le loro ditte a loro volta non erano state pagate dai clienti (in alcuni casi enti pubblici) e, dopo aver pagato fornitori e clienti, erano rimasti con le casse vuote.

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%