Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
 

«Non potevo vederli oziare...», adesso fanno i volontari

08/05/2015  Don Claudio Visconti della Caritas ha avuto un'idea: un protocollo per attività di volontariato, d’accordo con la prefettura, per far sì che i rifugiati si adoperino in attività di volontariato. In 500 hanno accettato di fare pulizia delle strade e dei giardini e attività in parrocchia.

«E’ stata un’idea mia. Non ne potevo più di vederli oziare tutto il giorno, dalla mattina alla sera, e un giorno ho detto “ragazzi, è ora di fare qualcosa». Don Claudio Visconti, direttore della Caritas di Bergamo, è da sempre in prima fila nell’accoglienza degli immigrati. E’ sua anche l’idea di coinvolgerli in attività di volontariato.

- Non sarà stato facile visto che i rifugiati non potrebbero lavorare…

«Infatti è così. In un primo momento avevamo elaborato un progetto di lavoro, anche per permettere a questi giovani di mettersi da parte qualcosa, ma il Ministero ce l’ha bocciato. A questo punto non ci siamo arresi e abbiamo costruito un protocollo vero e proprio per attività di volontariato, d’accordo con la prefettura, coinvolgendo i sindacati e l’ispettorato del lavoro. Questa volta il ministro Alfano l’ha approvato e oggi so che altre province lo stanno prendendo come modello».

- Come hanno reagito i vostri ospiti?

«All’inizio non è stato facile, soprattutto perché il concetto di volontariato è estraneo alla loro cultura. Abbiamo dovuto prepararli, spiegare loro che è soprattutto un modo per ricambiare l’ospitalità che ricevono. Naturalmente sono liberi di accettare o no e devo dire che alcuni rifiutano nel modo più assoluto di lavorare gratis, lo trovano inaccettabile. Ma una buona metà è favorevole e la cosa fa bene soprattutto a loro. L’ozio è sempre negativo».

- In quali attività vengono coinvolti?

«Dipende dalle esigenze dei comuni. Pulizia delle strade e dei giardini, attività in parrocchia. Quest’inverno, per esempio, ci hanno aiutato a spalare la neve, poi li abbiamo coinvolti nelle feste di paese e nelle attività legate ai nostri oratori. Sono state esperienze molto positive».

Multimedia
Immigrazione, la "terra ingiusta" dello sfruttamento
Correlati
Immigrazione, la "terra ingiusta" dello sfruttamento
Correlati
Abou, 8 anni, nascosto in una valigia per arrivare in Europa
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo