logo san paolo
martedì 18 gennaio 2022
 
GIUSTIZIA
 

Non rassegniamoci alla giustizia ingiusta

21/11/2014  Negli ultimi giorni assistiamo a molti verdetti in cui la legge morale viene sopraffatta dai cavilli giuridici e dalla rigorosa applicazione della legge. Ma non dobbiamo gettare la spugna

Giustizia crudele, quella che per un eccesso di giustizia diventa “mala giustizia”. Accade sovente nel nostro Paese, anche se non è faccenda di ieri: lo sosteneva già Cicerone: summum ius, summa iniuria. Un senso di impotenza ci cattura quando leggiamo di certi verdetti. Negli ultimi giorni se ne è parlato a proposito del caso Cucchi, il ragazzo entrato vivo in un carcere di Stato e uscito morto, probabilmente per le botte prese da chi doveva tutelare la sua integrità fisica, senza che sia stato accertato un solo colpevole, o ancora nel caso Thyssen. Ma è con la sentenza Eternit, dove per stessa ammissione del procuratore generale di Cassazione giustizia e diritto hanno preso strade diverse, negando non solo un verdetto di colpevolezza ma persino i risarcimenti ai familiari delle vittime, che la rabbia e l’impotenza si sono impadroniti di noi.

Come Antigone, l’eroina della tragedia di Sofocle che si ribella alla legge del sovrano in nome della legge morale, vaghiamo amareggiati e indignati in cerca di una giustizia che c’è ma che rimane congelata dal diritto positivo. Come ha scritto sulla Stampa il giurista e penalista Carlo Federico Grosso, "condotte delittuose gravissime, accertate giudizialmente in modo certo, c he avevano dato luogo a condanne di primo e secondo grado pesanti, sono improvvisamente svanite dissolvendosi nel nulla". Dobbiamo dunque rassegnarci a un sistema in cui la legge morale soccombe, sentendoci impotenti come Renzo di fronte ad Azzeccagarbugli? La risposta è no, perché verità e giustizia non si richiudono dentro il recinto di una sentenza, anche quando la prescrizione ne cancella gli effetti. Altri fattori entrano in gioco, come lo sono entrati, da sempre, a proposito della vicenda Eternit.

L’indignazione popolare, veicolata dai mass media e dalle inchieste di stampa, possono fare molto, fino a suscitare nuove leggi che traggano lezione da certi eccessi di garantismo (senza cedere naturalmente all’emotività). Su tutto, poi, pesa il verdetto della storia, che va certamente al di là dell’accertamento dei colpevoli e analizza il contesto in cui è maturato tutto. E intanto nuovi processi già si annunciano all’orizzonte, il caso verrà riaperto, anche sulla spinta di una sana indignazione morale, che a differenza della rabbia contiene sempre elementi di verità. Non  dobbiamo dunque rassegnarci e sperare che prima o poi anche la giustizia verrà  galla.Perché la storia, l'indignazione popolare e individuale, l'ostinata ricerca della verità e delal gisutizia, non verranno mai prescritte.

Multimedia
Eternit, la sentenza di primo grado del 13 febbraio 2012
Correlati
Eternit, la sentenza di primo grado del 13 febbraio 2012
Correlati
Processo Eternit, i protagonisti della sentenza di primo grado
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo