Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 12 aprile 2024
 
 

Non voltarti dall'altra parte

27/09/2013  Un incontro di ECPAT-Europe per sensibilizzare i cittadini contro lo sfruttamento sessuale dei minori in occasione dei prossimi Mondiali e Olimpiadi

Serve una condivisione degli impegni. È questo il significato ultimo della campagna lanciata da ECPAT "Don't look away - Non voltarti dall'altra parte": solo con un'assunzione di responsabilità collettiva, di tutte le parti in causa, si potrà limitare il pericolo che i prossimi Mondiali (2014) e Olimpiadi (2016) in Brasile diventino "terreno di caccia" per predatori sessuali. Il rischio, d'altronde, c'è: e le grandi manifestazioni sportive diventano l'alibi ideale per nascondersi, non dare nell'occhio, perché l'attenzione di tutti è rivolta alle competizioni, alle sfide, ai record. Turisti, tifosi, atleti, dirigenti e giornalisti: nessuno può sentirsi escluso. 

«Sebbene non si possa affermare - si legge in una nota - che un evento come quello dei Mondiali 2014 comporterà un aumento certo dello sfruttamento di minori, è altrettanto vero che il rischio che ciò si verifichi è molto elevato. Il Brasile è un Paese in cui il 30% della popolazione e circa la metà dei minori vive sotto la soglia di povertà per un totale stimato in almeno 28 milioni di persone. I dati dicono che solo nel 2011 sono stati circa 250mila i minori vittime di prostituzione e, ogni anno, sono 500mila i bambini e ragazzi sottoposti a sfruttamento e violenze sessuali. L'arrivo di milioni di turisti in un'atmosfera di festeggiamenti ed euforia potrebbe costituire un pericolo per quelle famiglie che vivono negli ambienti più poveri e vulnerabili del territorio, che potrebbero essere vittime di trafficanti o che spinte dalla miseria potrebbero vendere i loro figli». 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo