Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 15 giugno 2024
 
 

Quell'alleanza con i genitori

27/09/2013 

C'è il nonno che sa far capire alla moglie le sue esagerazioni e la nonna capace di rispettare le convinzioni della nuora, ma anche la madre che vuole dettare le regole ai nipoti “saltando” quel che pensa la propria figlia e il nonno che testimonia come sia importante accettare i propri limiti...

Il mondo dei nonni è vasto e variegato come dimostra il saggio Nonni che fortuna! (E. Ancora, 2012) di Gilberto Gillini e Mariateresa Zattoni. Ai due autori, marito e moglie, consulenti, curatori per Famiglia Cristiana della rubrica Innamoramento & amore chiediamo di risponder ad alcune domande sul ruolo dei nonni?

- A volte i genitori e i nonni discuto sulle regole da rispettare quando si accudisce il bambino. Come devono comportarsi i nonni quando ricevono il loro nipotino da custodire?

«Nelle attese magiche delle mamme e dei papà, i nonni dovrebbero pari pari diventare obbedienti alle regole che i genitori vogliono per il nipotino. Pensiamo al caso del cioccolatino: i genitori dicono no, i nonni gli riempiono. Insomma secondo i genitori dovrebbe succedere che essi ripetano gli stili della famiglia attuale. Non è possibile. I nonni non sono capaci e non deve essere loro richiesto».

- Come devono quindi comportarsi?

«Non devono dire:"Ti darei il cioccolatino ma la mamma non vuole" e neppure "tieni un cioccolatino ma non dirlo alla mamma", ma piuttosto "ti do un cioccolatino, uno solo; e possiamo anche dirlo alla mamma". Quest'ultimo è il comportamento sano ed equilibrato. I nonni sono chiamati ad essere espliciti e diretti, a dire a quali atteggiamenti non intendono rinunciare, senza per questo fare della loro casa una zona franca dove succede tutto il contrario di quello che succede a casa dei nipoti. Oltretutto una diversità di ambiente, purché non sia conflittuale, ingenera una certa flessibilità mentale».

- A volte tra nonni materni e nonni paterni ci sono delle competizioni. Perché è importante superarle.

«L'alleanza tra co-nonni è un vero dono per le nuove generazioni; un nipotino che possa raccontare entusiasta a una nonna che cosa ha fatto con l'altra e trovi nella nonna che ascolta assenso, entusiasmo, partecipazione è un bambino che assume già per tempo gli anticorpi ai conflitti sociali. Attenzione. I bambini hanno un sesto senso per intuire se possono fare simili narrazioni. Se non possono, significa che sono costretti a vivere su due fronti perché non c'è alleanza tra nonni materni e nonni paterni. Benedetti, invece, quei nonni che permettono agli altri nonni di essere come sono senza giudicarli

- I nonni possono anche essere d'esempio?

«C'è una testimonianza che i nonni sono chiamati a dare: la solidarietà all'interno della coppia. Il bambino, capta vede, prende immagazzina: se vede che due nonni, dopo quarant'anni di matrimonio, sono ancora lì che si amano, allora è scritto nella sua mente che l'amore non è solo possibile, ma che l'amore dura».


 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo