Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 21 maggio 2024
 
 

Ecco i nonni dell'anno

30/09/2013  Nella giornata clou della "festa dei nonni a Jesolo" di sabato e domenica 28 e 29 settembre sono stati eletti "nonni dell'anno", Egidio Bergamo e i coniugi Scalco di Tombolo (Cittadella, provincia di Padova).

Egidio Bergamo
Egidio Bergamo

Dopo due giorni di festeggiamenti per celebrare il vero collante della famiglia italiana, Jesolo può finalmente proclamare i nonni dell’anno. Egidio Bergamo, primo bibliotecario della cittadina veneta, che da anni cura la stesura del Vocabolario etimologico – etnografico del dialetto di Jesolo con riferimenti a Basso – Medio - Alto Piave e Alto Livenza che raccoglierà più di 15.000 voci e i racconti in dialetto di suo nonno Bepi, tramandati per via orale. «Quello di “Nonno di Jesolo” è un riconoscimento», ha commentato Egidio «che dà un sacco di soddisfazione ed è di tutti e ciascuno dei nonni presenti e lontani d’Italia. Il ruolo del nonno, oggi, è fondamentale perché è chiamato, e lo dico con commozione, a trasmettere la nostra civiltà più di molti genitori. È un ruolo epocale che sta al crocicchio della storia».

Teresina e Luigi Scalco
Teresina e Luigi Scalco

E la coppia di nonni ancora neofiti – hanno un nipotino di 11 mesi – Teresina e Luigi Scalco di Tombolo, provincia di Padova, già molto presi dal loro ruolo educativo. «Abbiamo letto dell’iniziativa su Famiglia Cristiana e abbiamo subito aderito con entusiasmo», ha detto Teresina. «Jesolo rappresenta un riferimento per me già dall’infanzia», ha proseguito Luigi. «Io sono falegname e mio padre lo è stato prima di me. Lui è stato tra i primi costruttori di case di legno qui, quando le famiglie hanno iniziato a costruire il paese tra grandi difficoltà ambientali e logistiche». «Oggi riceviamo questo premio alla presenza di altri nonni» hanno concluso «per rendere omaggio a questa importante figura che è diventata più che mai imprescindibile per la nostra società».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo