logo san paolo
giovedì 21 ottobre 2021
 
la storia
 

Nosheen è cittadina italiana: «Mi manca la mia mamma»

27/12/2015  Sei anni fa il padre e il fratello volevano lapidarla. La salvò la madre, sacrificando per lei la propria vita. La giovane pachistana nei giorni scorsi ha avuto il riconoscimento della cittadinanza italiana dal Presidente della Repubblica per “meriti speciali”

Per fortuna Nosheen ce l’ha fatta. Sei anni fa la tragica vicenda di cui fu protagonista questa giovane ragazza pachistana, insieme alla sua famiglia, riempì di orrore le cronache dei giornali. Una giovane donna non ancora ventenne, Nosheen Amhad, ottimista e piena di voglia di vivere, che cercava di integrarsi nella sua nuova realtà, la provincia di Modena, coltivando nuove amicizie e rifiutando le nozze combinate con un uomo che non amava.

Proprio questa familiarità con i costumi occidentali portò alla sua condanna a morte. Decisa in famiglia, appunto, da parte del padre e del fratello, che l’aspettarono al varco nel giardino di casa, armati di pietre e di bastoni, per lapidarla. Fu la madre di Nosheen a salvarla, mettendosi in mezzo e sacrificando per lei la sua stessa vita, colpita a morte dai maschi di casa.

Per molto tempo, dopo la terribile tragedia, Nosheen è scomparsa  dalle cronache. Per tutelarla, la casa famiglia che l’ha accolta ha costruito un muro attorno a lei, proteggendola col più totale riserbo. Nel frattempo suo padre è stato condannato all’ergastolo e il fratello a vent’anni di prigione. Intanto Nosheen ha cercato di curare le sue ferite, è diventata una donna e ha trovato una sistemazione a Carpi, dove lavora presso una famiglia come badante. «Mi trovo molto bene, con me sono gentili, ho ritrovato la serenità», ha detto. Una buona notizia, un’ottima notizia. Alla quale, proprio in questi giorni, si è aggiunto un riconoscimento. Il prefetto di Modena Michele di Bari, infatti, le ha notificato  il decreto di concessione della cittadinanza italiana per meriti speciali conferito dal presidente della Repubblica. Un iter «lungo e complesso», ha spiegato Di Bari, iniziato con la proposta del ministero dell’Interno e concluso con la certificazione del Capo dello Stato.


Nosheen Amhad all'epoca dei fatti, sei anni fa. In copertina: il conferimento della cittadinanza italiana.
Nosheen Amhad all'epoca dei fatti, sei anni fa. In copertina: il conferimento della cittadinanza italiana.

«Questo gesto è un simbolo di sensibilità, libertà e tolleranza per cui ringrazio profondamente il ministro dell’Interno e il presidente della Repubblica», ha aggiunto il prefetto durante la cerimonia.

Nosheen, che oggi ha 25 anni e ormai è italiana a tutti gli effetti, è apparsa molto emozionata. «In questo giorno mi manca tanto la mia mamma», ha detto con semplicità.

Sua madre si chiamava Begum. Forse non capiva fino in fondo le scelte della figlia, ma ha deciso comunque di sostenerla e di difenderla, ribellandosi a un costume odioso e tribale. Altre donne, nella sua stessa condizione ‒ basti ricordare la morte orrenda di un’altra giovane pachistana, Hina Saleem, uccisa a coltellate dal padre e dai parenti ‒ non l’hanno fatto. C’è da augurarsi che il sacrificio di Begum non venga dimenticato e che la sua storia possa essere di esempio.

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%