logo san paolo
lunedì 27 giugno 2022
 
Autogol dei genitori
 

«Nostra figlia piange quando litighiamo. Deve gestire la rabbia!»

09/04/2018 

Siamo genitori di una bambina di 8 anni che vede spesso litigare me e mio marito e a causa di questo presenta a volte delle reazioni nervose durante le quali urla e non ascolta nulla di quanto le viene detto per calmarla. Vorremmo aiutare la bambina ad autoregolarsi meglio nelle situazioni in cui si trova in preda alla rabbia e non sa fare altro che esplodere in modo inarrestabile.

MARCELLA

Gentile Marcella, rilegga bene la mail che ha inviato. Si accorgerà che la vostra bambina non sta facendo altro che ripetere ciò che voi genitori fate di fronte a lei, senza porvi alcun limite e alcuna regola. Succede spesso a noi genitori di finire in una sorta di “circolo vizioso” dove vorremmo che i nostri figli fossero in grado di non fare gli errori che noi invece “sbattiamo” davanti ai loro occhi con tanta facilità. Pensateci su: quante volte capita a un genitore di dare un ceffone a un bambino per insegnargli a non picchiare più suo fratello? Quante volte urliamo ai nostri figli di “smettere di urlare”? Ecco, la tua richiesta, cara Marcella, rientra in quelli che io chiamo gli autogol di noi genitori. Vorremmo che i nostri figli imparassero a non fare alcuni errori che noi per primi gli abbiamo insegnato. Nel vostro caso, io credo che il problema non sia solo “cambiare” il modo di reagire alla rabbia da parte della bambina, bensì cambiare anche il vostro modo di affrontare i conflitti di coppia. È naturale che tutti i figli prima o poi assistano ai conflitti di mamma e papà. Non può esserci famiglia senza che ci sia anche “conflitto”. Ma la domanda che dobbiamo porci è: che cosa resta dentro ai nostri figli, quando guardano noi adulti che litighiamo? Se i nostri litigi sono violenti, basati su modi e parole che offendono e aggrediscono, è molto probabile che dentro di loro resti un forte senso di precarietà e la paura che la coppia dei genitori sia a rischio di rottura. Se poi, dopo un litigio, in casa permane un clima di silenzio e rabbia, i bambini probabilmente vivranno con grande angoscia anche il tempo seguente il conflitto stesso. Nel vostro caso, vi consiglio di verificare se non sia opportuno confrontarvi, voi genitori, con un terapeuta che vi aiuti a fare chiarezza sugli aspetti irrisolti che vi attivano in modo così intenso in occasione dei vostri dissidi di coppia. Pensare che sia la bambina a dover cambiare qualcosa, significa concentrarsi su un sintomo del problema e non sulla sua causa. Può risultarvi molto utile la lettura di Oltre Marte e Venere. Trucchi e consigli per le relazioni di coppia nel mondo di oggi (Rizzoli) che è un vero e proprio invito a gestire il conflitto di coppia imparando a incontrare l’altro, senza scontrarsi in modo così litigioso come sta succedendo a casa vostra.

Oltre Marte e Venere. Trucchi e consigli per le relazioni di coppia nel mondo di oggi | John Gray italiani | Rizzoli su Sanpaolostore.it

In un mondo frenetico e in costante evoluzione, anche i ruoli di coppia sono messi alla prova e subiscono cambiamenti inevitabili. Con esempi concreti ed efficaci,  indicazioni puntuali e riflessioni spiazzanti, John Gray ci guida nella nuova galassia dei rapporti di coppia

I vostri commenti
11

Stai visualizzando  dei 11 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo