Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
 

Nuova legge in Francia. Prostitute vittime e clienti puniti

01/06/2016  C’è da augurarsi che anche l’Italia finalmente si scuota e si possa sognare che “il mestiere più antico del mondo” abbia i giorni contati

Chi se lo sarebbe mai aspettato che proprio la laica e “libertina” Francia varasse una nuova legge con il proposito di porre fine alla prostituzione e salvare milioni di donne schiave? Il 6 aprile scorso l’Assemblea nazionale ha votato un atto legislativo «finalizzato a rafforzare la lotta contro il sistema prostituzionale e a sostenere le persone nella prostituzione» a partire dal riconoscimento del divieto di acquisto di atti sessuali e dalla punibilità del cliente che li ottiene in cambio di denaro. E che prevede, a carico di quest’ultimo, una contravvenzione di 1.500 euro che, in caso di recidiva, diventano 3.750, con l’obbligo di partecipare, a proprie spese, a stage di rieducazione. Criteri simili sono già stati adottati in Svezia, Islanda, Norvegia e introdotti di recente in Irlanda del Nord, in Canada e in parte del Regno Unito.
La legge si articola in altri tre momenti: la lotta contro la tratta di esseri umani, il riconoscimento dello status di vittima alle persone che ne sono coinvolte, misure educative, sociali e culturali per scoraggiare la domanda che incrementa tutte le forme di sfruttamento e viola il principio della dignità umana.
Dice Andrea Lebra, presidente di Liberazione e speranza Onlus di Novara, che in 17 anni ha portato via dalla strada 1.250 ragazze di 25 nazionalità: «È una felice sorpresa che il legislatore francese dica chiaramente che la prostituzione non va né regolamentata né tollerata, ma progressivamente abolita, perché è la prima e più antica forma di violenza contro la donna. Sembra non pensarla così l’Italia che continua a ignorare il problema della domanda, nonostante le direttive e le risoluzioni del Parlamento europeo e del Consiglio d’Europa e gli interventi dell’Onu».
C’è da augurarsi che il nostro Paese finalmente si scuota e adotti anch’esso il modello nordico al quale si è ispirata la legge della vicina Francia e si possa in questo modo sognare che “il mestiere più antico del mondo”, causa di sangue, lacrime e violenza criminale , abbia i giorni contati.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo