Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
 

«Ortodossi e cattolici, una sola fede»

06/03/2015  Padre Cantalamessa, predicatore della Casa Pontificia, ha ripreso il tema della recente visita del Papa a Istanbul.

Ortodossi e cattolici hanno in comune l’unica fede. Lo ha detto padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa pontificia nella seconda predica di Quaresima venerdì 6 marzo, ricordando la recente visita del papa a Istanbul e il gesto di Bergoglio che alla fine della liturgia ortodossa ha ha chiesto la benedizione del Patriarca Bartolomeo. Padre Cantalamessa ha sottolineato che “Ortodossia e Chiesa Cattolica condividono la stessa fede nella Trinità, nell‘incarnazione del Verbo, in Gesù Cristo è vero Dio e vero uomo in una sola persona, che è morto e risorto per la nostra salvezza, che ci ha donato lo Spirito Santo; crediamo che la Chiesa è il suo corpo animato dallo Spirito Santo, che l‘Eucaristia è ‘la fonte e il culmine della vita cristiana”.

Il predicatore ha fatto anche un riferimento a Maria,  “Theotokos, la Madre di Dio” anche per gli ortodossi. Riguardo ai rapporti tra Roma e Costantinopoli ha spiegato che in passato “i rapporti tra teologia orientale e teologia latina erano contrassegnati da una evidente tinta apologetica e polemica”, ma ora “è venuto il tempo di rovesciare questa tendenza, smettendo di insistere ossessivamente sulle differenze” e “mettere invece insieme ciò che abbiamo in comune e ci unisce in un‘unica fede”.

Per padre Cantalamessa, “il risultato più sorprendente di questo cambiamento di prospettiva è che le stesse reali differenze dottrinali, anziché apparirci come un errore, o una eresia dell‘altro, cominciano ad apparirci sempre più spesso come compatibili con la propria posizione e, spesso, addirittura come un necessario correttivo e un arricchimento di essa”.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo