Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
Academy Awards
 

Oscar doppio al coreano Parasite

10/02/2020  Il film di Bong Joon Ho si aggiudica sia la statuetta come miglior film sia come miglior film straniero: è la prima volta che accade. E ancora un Oscar come miglior sceneggiatura originale e migliore regia. La nostra recensione.

Un affare di famiglia: due case, due diversi stili di vita, gli opposti che si scontrano. Da una parte i ricchi, dall’altra i poveri. Ki-woo è un ragazzo che vive in un appartamento sotto il livello della strada e conduce un’esistenza degradata. Un giorno un amico gli propone di sostituirlo come insegnante di inglese per la figlia di un dirigente d’azienda. Lui accetta, falsifica le credenziali e si fa assumere. Ma è solo l’inizio. La madre sarà la nuova governante, il padre l’autista. Parasite  è una commedia affilata, una satira sociale al vetriolo. Chi ha meno si ribella e piano piano prende il posto di chi naviga nel lusso. Ma non è solo una questione politica. Qui si riflette sull’identità di due nazioni divise: la Corea del Nord e quella del Sud, che finiscono per fondersi in un unico corpo e senza accorgersene diventano uguali nel bisogno. È un _lm ribelle, sulla scia di Joker. La violenza viene mostrata in tutto il suo orrore e presto le risate a denti stretti cedono il passo a una tensione drammatica, quasi disperata, per poi sfociare nella favola. Parasite incarna lo spirito dei nostri anni, sa essere universale, con addirittura un omaggio a Gianni Morandi. Ha vinto la prima Palma d’oro della storia per la Corea del Sud a Cannes.  Imperdibile, costruito con grande intelligenza, ma adatto solo a un pubblico adulto.
 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo