logo san paolo
lunedì 06 dicembre 2021
 
IL RICORDO
 

Padre Gabriele Amorth, una vita contro il demonio

16/09/2016  È morto venerdì 16 settembre a Roma a 91 anni. Prima di diventare l'esorcista più famoso d'Italia è stato capo partigiano e politico della Democrazia Cristiana. Un'esistenza intensa vissuta al servizio di Dio e del prossimo. Che un anno fa il settimanale "Credere" raccontò in quest'intervista.

Era l'esorcista più famoso d'Italia. Celebre pure oltre confine, a dire il vero. Ma padre Gabriele Amorth è stato anche tanto altro. Nato a Modena il 1° maggio 1925, è entrato nella Casa Madre della Società San Paolo (i Paolini) ad Alba il 25 agosto 1947, a cinque anni di distanza dall’incontro con il fondatore, il beato don Giacomo Alberione, ed è stato ordinato  sacerdote a Roma il 24 gennaio 1951.  Dotato di una penna brillante, bravo giornalista, ha diretto per molti anni il mensile Madre di Dio ed ha collaborato a Famiglia Cristiana, Credere, Telenova e Radio Maria. Nel 1985 è stato nominato esorcista della diocesi di Roma dal cardinale Ugo Poletti: un ruolo, questo, che l'ha fatto conoscere dentro e fuori il nostro Paese. Nel corso degli anni don Amorth ha pubblicato numerosi libri con il Gruppo Editoriale San Paolo, tra cui Dio più bello del diavolo, suo testamento spirituale e umano: una confessione che spazia dal tema del bene e del male, a quello della felicità e della speranza, fino a toccare argomenti come il potere dei media, della massoneria e delle sette.  Lo scorso 8 settembre don Amorth è stato insignito della “Medaglia della Liberazione” dal Prefetto di Roma, Paola Basilone, alla presenza del ministro della Difesa Roberta Pinotti per aver aderito alla lotta partigiana, in Emilia, dopo l’8 settembre 1943. E' morto a Roma venerdì 16 settembre.

Nella lunga vita di don Amorth, l’arruolamento nella guerra contro il maligno arriva relativamente tardi. Bisogna infatti attendere la metà degli anni Ottanta. Solo allora il cardinale Ugo Poletti, vicario del Papa per la diocesi di Roma, gli chiede di iniziare il delicato servizio. Aumentavano le persone che ricorrevano a maghi e fattucchieri, «per la maggior parte», ha avuto modo di chiarire don Amorth, «semplici cialtroni, ma in qualche caso nelle pratiche occulte si cela il maligno ci si ritrova con casi autentici di possessione, che comunque sono molto rari». Quella chiamata è stata «un’esperienza inaspettata, mi ha aperto un mondo totalmente nuovo che prima non conoscevo». Fino a quel momento, secondo il carisma della Famiglia Paolina cui apparteneva, don Gabriele era stato un sacerdote-giornalista, direttore della rivista mariana Madre di Dio. Nel suo lavoro accanto alle persone sofferenti per la possessione diabolica, ben presto il sacerdote si accorge che «non c’erano esorcisti nonostante la grande richiesta» e così nel 1990 fonda l’Associazione internazionale degli esorcisti con l’intento di promuovere e far conoscere questo ministero: «All’inizio eravamo in 18, quando nel 2000 ho lasciato l’incarico di presidente eravamo trecento».

Prima di essere ordinato prete nel 1954 nella Società di San Paolo fondata da don Giacomo Alberione, il giovane Amorth prende parte alla guerra di liberazione. Rifiutandosi di rispondere alla chiamata alle armi della Repubblica di Salò, ancora diciottenne, aderisce alla lotta partigiana dove ricopre ruoli di responsabilità nelle brigate cattoliche di pianura a Modena, sua città natale. I fascisti lo condannano a morte, ma riesce a scampare. «Mia madre», ha ricordato a  Credere don Amorth, «era convinta che sia stata la Regina degli apostoli, a cui i Paolini sono devoti, ad aver salvato la vita a tutti noi».

Dopo la guerra, seppure già attratto dalla chiamata al sacerdozio, si iscrive alla facoltà di Legge e partecipa alla vita della Federazione universitari cattolici (Fuci). Poi, seguendo l’esempio del padre avvocato, militante dell’Azione cattolica e fondatore della sezione modenese del Partito popolare, decide di impegnarsi in politica, sull’esempio di Giuseppe Dossetti, di cui aveva seguito le lezioni di Diritto canonico in università. Viene chiamato a Roma dove diventa vice delegato del Movimento giovanile della Dc. Collabora con De Gasperi e diventa amico di Giulio Andreotti, con il quale ha poi mantenuto uno stretto rapporto per tutta la vita.

«Sento un grande senso di gratitudine verso Gesù e Maria. Non ho fatto niente di ciò che mi sarei aspettato e mi sono sempre trovato bene dappertutto, a parte un breve periodo che dovetti fare il superiore dei Paolini in Italia» conclude il sacerdote.


I vostri commenti
89

Stai visualizzando  dei 89 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo