logo san paolo
venerdì 27 maggio 2022
 
 

Padre Lorenzetti: «Un dramma umano»

15/10/2014  Ha fatto il giro del mondo il video in cui una giovane malata di tumore annuncia la sua futura eutanasia. Padre Luigi Lorenzetti commenta il motivo del consenso a questa tragica scelta in una società in cui: «Si apprezza la vita, ma a certe condizioni e se ha certe qualità e, così, la sofferenza senza speranza appare come uno scacco insopportabile, da cui liberarsi a ogni costo».

Sorprende la lucidità drammatica: una donna, cittadina americana di 29 anni, malata di cancro al cervello, programma la propria morte, addirittura fissa il giorno del ricorso all’eutanasia.
Di fronte a simili drammi, nessuno può pretendere di giudicare la persona, il grado di libertà-responsabilità di decisioni così estreme. Il giudizio ultimo è affidato alla coscienza e, se credente, a Dio, giusto e misericordioso giudice.

Ci si interroga, tuttavia, sulle molteplici cause che hanno contribuito a dare largo consenso all’eutanasia. L’eclisse del senso religioso (trascendente) riporta questi eventi sotto il dominio umano; parametri e criteri valutano il senso/non senso dell’esistenza in termini di efficienza e utilità; la ricerca della qualità della vita rende incapaci di capirne il valore in situazioni limite. Si apprezza la vita, ma a certe condizioni e se ha certe qualità e, così, la sofferenza senza speranza appare come uno scacco insopportabile, da cui liberarsi a ogni costo.

La comunità cristiana non può limitarsi a ribadire il divieto incondizionato dell’eutanasia. Deve sentirsi provocata ad aggredire con il suo dire e, soprattutto, con il suo fare, il contesto globale entro il quale tali tragiche decisioni appaiono, a molti, l’unica via di uscita. I problemi della vita, l’infelicità, la solitudine, non si risolvono con il darsi o dare la morte.

Le cliniche della morte sono espressione di una società incapace di rispondere in altro modo a chi chiede di morire; lanciano un messaggio nefasto al mondo della sofferenza e della solitudine; fanno passare per legittima, e doverosamente da assecondare, una domanda che altro non è che il grido del disperato; falsificano e snaturano il ruolo del medico e le strutture ospedaliere.

I vostri commenti
9

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo