Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 aprile 2024
 
Il Teologo
 

Padre nostro: perché "alla" e non "nella tentazione"?

10/06/2021 

Non sarebbe stato meglio e più fedele al testo sia greco che latino tradurre «non abbandonarci nella tentazione» anziché «alla tentazione»?

SALVATORE G.

Come già sottolineato molte volte e da diversi esegeti, il problema sta soprattutto nella dif‡ficile traduzione del verbo, che al di fuori della cultura biblica ha assunto un signifi‡cato ambiguo. Pertanto, le osservazioni del lettore sono legittime e pertinenti. La traduzione francese, infatti, usando un verbo più vicino all’originale suona così: «Ne nous laisse pas entrer en tentation». Tuttavia la traduzione del Padre nostro per il Messale italiano doveva tenere conto della recente traduzione della Bibbia (2008) per la quale si scelse il verbo abbandonare, non estraneo ad antichi commenti patristici a questa preghiera. Non avendo una precisa documentazione riguardo alle vivaci discussioni fra i traduttori, è lecito supporre che tale scelta sia stata suggerita per evidenziare maggiormente l’azione preventiva di Dio che non solo ci soccorre quando ormai siamo già entrati nella tentazione, ma ci sostiene nella lotta perché non cediamo all’ambiguo fascino del male.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo