Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 
dossier
 

Padre Paolo e gli altri; una riflessione di Andrea Riccardi

15/05/2014  Oltre a padre Dall'Oglio, sono ancora sequestrati due vescovi di Aleppo, il siro-ortodosso Mar Gregorios Ibrahim e il greco-ortodosso Paul Yazigi. Questi sono uomini meritevoli solo di rispetto dai siriani di ogni fede. I rapimenti dimostrano l'imbarbarimento della Siria.

Sono quasi 10 mesi che Paolo Dall’Oglio è stato rapito in Siria. Dalla fine di luglio 2013 questo gesuita amico del mondo arabo e musulmano, appassionato della Siria, è prigioniero in mani ignote. È una detenzione vergognosa di un uomo generoso e audace, che ha sempre amato quella terra e che non merita questa sorte violenta. Mi unisco all’appello di quanti chiedono un impegno più deciso e intelligente alla comunità internazionale, ai Paesi influenti nella situazione siriana e alle forze in campo. Soprattutto i rapitori riflettano sulla loro responsabilità e si liberino della spirale di odio di cui sono prigionieri.

PREGHIERA PER LA PACE IN SIRIA. Purtroppo Dall’Oglio non è il solo in questa condizione. Altri religiosi cristiani sono stati rapiti in Siria. Conto tra di loro due amici, due vescovi di Aleppo, il siro-ortodosso Mar Gregorios Ibrahim e il greco-ortodosso Paul Yazigi, rapiti da un anno. Ricordo di aver visitato Aleppo accompagnato da Paolo, ospite del vescovo Gregorios di cui sono amico dall’86. Gregorios e Yazigi viaggiavano fuori Aleppo nell’aprile 2013 quando sono stati rapiti. Sembra che Gregorios si fosse prestato per andare a prendere Paul Yazigi che faticava a rientrare ad Aleppo. Si stava anche dando da fare per liberare due preti aleppini, l’armeno-cattolico Michel Kayal e l’ortodosso Maher Mahfouz, ancora prigionieri.

Questi rapimenti mostrano l’imbarbarimento della Siria, ostaggio di una guerra civile senza senso e senza fine. Non ci rassegniamo! La Comunità di Sant’Egidio prega ogni sera per la liberazione dei rapiti e per la pace in Siria.Mi chiedo come far giungere l’appello a chi li detiene. Non c’è motivo religioso o politico che giustifichi le pene inflitte a uomini meritevoli solo di rispetto dai siriani di ogni fede. Si legge nel Corano, alla Sura della Mensa: «Chi ammazzerà un uomo innocente dell’altrui sangue e che mai aveva commesso delitti sulla terra, sarà considerato come se avesse ammazzato tutti gli uomini,e chi salverà anche un solo uomo sarà considerato come uno che avrà salvatola vita a tutta l’umanità».

Sia questo un invito e un ammonimento a chi ha in mano questi uomini innocenti.

Multimedia
L'arrivo di Meriam all'aeroporto di Ciampino con i figli Martin e Maya
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo