Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 22 giugno 2024
 
dossier
 

«La pace? È possibile solo se Israele e Hamas si riconoscono interlocutori e dialogano»

29/06/2023  Padre Pierbattista Pizzaballa, francescano, Patriarca latino di Gerusalemme, in un'intervista che Famiglia Cristiana pubblica nel numero in edicola, analizza la situazione e indica la possibile via per ridar fiato al Medio Oriente

Padre Pierbattista Pizzaballa, 58 anni. Foto Reuters. In alto, veduta di Gerusalemme. Foto Reuters. Padre Pizzaballa a Gerusalemme. Foto Reuters.
Padre Pierbattista Pizzaballa, 58 anni. Foto Reuters. In alto, veduta di Gerusalemme. Foto Reuters. Padre Pizzaballa a Gerusalemme. Foto Reuters.

«Israele e Hamas non si parlano. È necessario, invece, che ci sia una sorta di riconoscimento iniziale, per quanto parziale e tiepido, tra le due parti». Padre Pierbattista Pizzaballa, 58 anni, francescano minore, biblista, Patriarca latino di Gerusalemme, va al cuore dei problemi e offre una possibile via per dar respiro al Medio Oriente. In un’intervista che Famiglia Cristiana pubblica nel numero in edicola, il religioso analizza la situazione e suggerisce cosa fare per iniziare a costruire la pace.

«Lo stato di crisi, qui, è costante», dice padre Pizzaballa. «In genere ogni 2-3 anni accade qualcosa di più acuto. Quest’anno lo scontro è stato meno accentuato degli anni precedenti. Possiamo dire che non stupiscono gli attacchi che si verificano periodicamente. Una volta sarà Gaza, un’altra volta Hamas, un’altra ancora Jihad… Il motivo è che i nodi di fondo non sono mai stati risolti. Spero di essere un falso profeta, ma penso che i periodi di crisi continueranno a tornare».

Che fare, allora, per imprimere una radicale svolta?  «Il problema di fondo», puntualizza il Patriarca di Gerusalemme, «è che le due realtà, Hamas e Israele, non si riconoscono reciprocamente. Quindi non si parlano. Non c’è dialogo. Se si continua a considerare Hamas terrorista e un ente illegittimo, non ci possono essere le premesse perché il nodo si possa sciogliere. È necessario che ci sia una sorta di riconoscimento almeno parziale, almeno iniziale, almeno tiepido tra le due parti. Altrimenti non si arriverà a nessuna soluzione». 

 

Multimedia
16 maggio 2018, Gaza. Quando monsignor. Pizzaballa diceva: "Temo non sia finita. Digiuno per la pace"
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo