logo san paolo
lunedì 26 ottobre 2020
 
REPORTAGE
 

Pakistan, boom di vocazioni nella terra dei martiri

09/06/2016  La situazione della minoranza cattolica, oggi. A due mesi dalla strage di Pasqua siamo andati nel Punjab, a Lahore. La fede professata tra le lacrime dai superstiti. L’analisi degli esperti. E, sorpresa, i seminari pieni di giovani.

Lahore (Pakistan)
Dal nostro inviato

La chiamano «città dei giardini». Ma oggi gli oltre mille e cento giardini pubblici disseminati nel territorio di Lahore, capitale del Punjab pakistano, restano tristemente deserti. Due mesi dopo l’attentato kamikaze del 27 marzo nel parco Gulshan-e-Iqbal – ricordato come «l’attacco di Pasqua» – paura e cautela sono ancora palpabili. Il terrorismo ha colpito al cuore la metropoli di oltre 11 milioni di abitanti, spegnendo la spensieratezza con cui giovani, bambini e anziani popolavano le aree verdi, soprattutto nel fine settimana.

Il nuovo, improvviso allarme sicurezza registrato in sei scuole della città nei giorni scorsi ha subito riportato la memoria a quello che l’edizione pakistana di Newsweek ha definito «un lutto impensabile»: le vittime di quella strage risultano essere, a oggi, 81, in maggioranza bambini e ragazzi. La lista continua ad aggiornarsi, registrando il decesso di altri feriti gravi. «Siamo nella prova, ma il cuore è pieno di speranza», spiega a Famiglia Cristiana il vescovo di Lahore, monsignor Sebastian Shaw, che continua a visitare regolarmente i feriti in ospedale. «Abbiamo sotto gli occhi commoventi esempi di fede autentica e di testimonianza evangelica. Madri che hanno perso i loro  figli. Bambini che hanno visto morire fratelli e sorelle. Anche nei momenti più difficili, i fedeli non hanno mai smesso di confidare in Cristo. E questo dà speranza a tutti, anche a me», nota. «Come Chiesa in Pakistan non vogliamo vivere con una mentalità- ghetto ma riferirci all’immagine evangelica per essere sale, luce e lievito nel nostro Paese», spiega.

Nell’attentato di Lahore sono morti 24 cristiani e 57 musulmani. La Caritas garantisce assistenza materiale e accompagnamento psicologico alle famiglie colpite. Tra le vittime c’erano due sorelle, Saman, 19 anni e Arooj, 15, cattoliche. La loro famiglia abita in un quartiere popolare nell’area di Anarkali. «Erano andate al parco dopo la Messa di Pasqua, con il fratello», racconta il parroco, don Philip John. Il ragazzo si è salvato e ha raccolto i corpi senza vita delle due giovani. Arif, padre delle ragazze, è sconvolto: «Siamo straziati dal dolore, ma il Signore ci è vicino», dice baciando in lacrime il loro ritratto. «Il Signore ha dato, il Signore ha tolto: sia benedetto il suo nome», ripete con l’umiltà dei semplici, citando un passo del libro di Giobbe, tratto dall’Antico Testamento.

La stessa speranza anima oggi la quarantenne cattolica Shama Pervaiz, madre di Soahil Pervaiz, 11 anni, anch’egli morto nell’esplosione. «Il Signore è il mio rifugio. Non manco di nulla», dice con le parole del Salmo, ricordando il suo  figlioletto a cui la Saint Francis school, istituto che frequentava, sta per intitolare un’aula. I suo piccoli amici sono ancora sotto shock per la perdita di un compagno di giochi, di studi, di avventure.

Poco più grande di età era Akash, altro ragazzo che oggi la comunità cattolica di Lahore non può dimenticare: è un nuovo martire. «Akash ha sacrificato la vita per evitare una strage», racconta ancora emozionato padre Francis Gulzar, parroco di San Giovanni, nell’area di Yohannabad, quartiere di Lahore interamente cristiano. Qui il 15 marzo di un anno fa, due kamikaze hanno attaccato due chiese, una cattolica e una protestante, gremite per la Messa domenicale. Solo l’intervento deciso di Akash, che ha bloccato con il suo corpo l’attentatore, morendo con lui, ha impedito che l’ordigno scoppiasse all’interno dell’edificio. «Il suo coraggio, la sua fede, la sua dedizione per la comunità sono d’esempio per tutti», osserva padre Gulzar. 

Non è un caso se oggi in Pakistan molti giovani come lui desiderano diventare sacerdoti o religiosi, offrendo la loro vita a Cristo. Inayat Bernard, rettore del Seminario minore di Santa Maria a Lahore, riconosce nel boom di vocazioni un dono della Grazia, in un tempo di prova: «In meno di un anno e mezzo abbiamo celebrato in Pakistan 23 ordinazioni sacerdotali, tra preti diocesani e religiosi, e 15 nuovi diaconi che si preparano a diventare preti nel 2016», rileva. E mentre il suo istituto ospita 26 giovani, ce ne sono 96 nel Seminario maggiore a Lahore e altri 79 frequentano l’Istituto nazionale di teologia a Karachi. Sono numeri che «preannunciano un futuro roseo per la Chiesa cattolica in Pakistan», commenta padre Inayat. Segno di speranza nelle difficoltà che «rafforzano la nostra fede: oggi ne apprezziamo i frutti», osserva. 
I frutti si raccolgono oggi perché qualcuno, oltre cento anni fa, ha lasciato in questa terra semi di Vangelo: furono i cappuccini belgi che nel 1886 portarono Cristo in questa parte del subcontinente indiano.

Continuando idealmente quella missione,
 don Pietro Zago, salesiano italiano di 81 anni, da 18 in Pakistan, è impegnato con i giovani: «Li aiutiamo a diventare buoni cristiani e buoni pakistani e a vivere la fede nella gioia ma anche nei frangenti più tristi», sottolinea. Nell’oratorio salesiano di Lahore ci sono 450 ragazzi, accompagnati nel percorso di istruzione (dalle elementari alle superiori) e nella formazione professionale. «Perché ho donato la mia vita al Pakistan? Perché Cristo ha detto: qualsiasi cosa farete al più piccolo dei miei fratelli l’avrete fatta a me. Senza specificare se quei piccoli dovessero essere cristiani, musulmani o indù».

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 0,00 - 14%