Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
Al cinema
 

Paolo Conte: «Ho trovato un prete per chiacchierar»

28/09/2020  In occasione dell'uscita al cinema del documentario "Paolo Conte, via con me”, ecco alcuni stralci dell'intervista che il cantautore ci ha rilasciato nella sua casa di Asti, pubblicata sul numero di Famiglia Cristiana in edicola, in cui per la prima volta parla, anche in modo sorprendente, del suo rapporto con la spiritualità

«Sì, ho trovato un prete per chiacchierar». Lo racconta Paolo Conte, parafrasando i versi di una delle sue canzoni più famose, Azzurro, nell'intervista rilasciata a Famiglia Cristiana in edicola mentre al cinema, dal 28 al 30 settembre, esce il documentario di Giorgio Verdelli dedicato alla sua carriera: "Paolo Conte, via con me". L'artista astigiano parla per la prima volta in modo aperto del suo rapporto con spiritualità. ''Ho trovato davvero un prete per chiacchierar, anzi un gruppo di sacerdoti, sono brasiliani giovani, simpatici e molto in gamba, sono parroci di paesi qui intorno, nell'Astigiano. Io e mia moglie andiamo da loro e parliamo di tutto in modo 'sportivo'''.

E aggiunge: "Un'altra vita è forse la canzone più religiosa che ho scritto. Parlo del Paradiso e di un evento molto terreno, la morte di mia madre'' . In riferimento al futuro che ci aspetta, ecco la sua risposta più inaspettata: "Penso ci sia bisogno di un Messia''.

 Nell' intervista, il cantautore parla anche della sua passione giovanile per le auto e per lo sport, che gli hanno ispirato tante canzoni, da La topolino amaranto a Sparring Partner. E dice ''la partita di calcio più bella che ricordo è uno Juve-Milan del 1950. Finì 7-1 per i rossoneri e da allora tifo per loro. Ma ora sono indeciso se passare al Napoli o all'Atalanta''.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo