Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
dossier
 

Francesco a Kinshasa, la grande festa dei cattolici congolesi per le strade della capitale

31/01/2023  Folle di fedeli, giovani e anziani, scolari, studenti, frati, suore, hanno invaso le strade per vedere il Papa. Il suo arrivo in Repubblica democratica del Congo è stato accolto con favore da tutto il popolo

di Edel Mulumba

(traduzione di Roberto Ponti)

 

Kinshasa  ha vissuto un'atmosfera molto speciale questo martedì 31 gennaio 2023, per l'arrivo di Papa Francesco in terra congolese per il suo 40° viaggio apostolico. Già dalle prime ore del mattino la città cosmopolita girava a vuoto, le strade quasi deserte, niente ingorghi come spesso accade nelle ore mattutine, presenza della polizia sulle arterie, così Kinshasa si preparava ad accogliere il successore di Pietro.

Nel primo pomeriggio le folle di fedeli hanno invaso le strade dell'itinerario annunciato del corteo di Papa Francesco, giovani e meno giovani, scolari e studenti, frati e monache, tutti hanno preso d'assalto il boulevard Lumumba, il boulevard Triomphale e l’avenue de la Libération. Ognuno con indosso le proprie insegne di identità cristiana, bandiere, stendardo o foulard del movimento o gruppo di appartenenza, rosario, crocifisso o foto di papa Francesco, si potevano riconoscere a colpo d'occhio le "maman catholiques", i membri del movimento Famille Chrétienne, i giovani del gruppo Kizito-Anuarite o quelli del Movimento Xaveri e così via. Senza dimenticare il "blublanc" degli scolari (la loro divisa quotidiana in camicia bianca e pantaloni o gonna blu) non solo delle scuole cattoliche ma anche di altre confessioni e delle scuole private e statali che sono venuti a vivere questo storico evento.

Non abbiamo aspettato molto, perché erano le 14.34, ora di Kinshasa, quando l'aereo papale è arrivato sulla pista dell'aeroporto di Ndjili, ai piedi del velivolo il primo ministro congolese Sama Lukonde e i vescovi della Conferenza episcopale del Congo hanno accolto il Papa. Alla partenza, papa Francesco ha assistito a un bagno di folla che ha accolto con favore, una mobilitazione senza precedenti di cristiani provenienti soprattutto dalla regione apostolica Kin-est che comprende tra gli altri i decanati di Saint Jacques, Saint Eugene, Sainte Marthe, saint Matthieu, Saint Marc, Saint Kibuka, Saint Thérèse et Saint Frederic. Le altre regioni apostoliche (così sono chiamate le suddivisioni della grande arcidiocesi di Kinshasa) hanno camminato lungo le strade e hanno accompagnato Francesco fino al suo arrivo al Palazzo della Nazione dove era atteso dal presidente Felix-Antoine Tshisekedi, prima di ricevere i politici e la società civile.

La visita del Papa, il cui tema è "Tutti riconciliati in Gesù Cristo", è accolta con grande favore da tutto il popolo congolese, che ha ricevuto dal Santo Padre un forte messaggio di presa di coscienza, di pace e di riconciliazione, soprattutto in questo momento in cui l'est del paese è sotto assalto.

(Foto Reuters)

Multimedia
Le foto del primo giorno del Papa in Sud Sudan
Correlati
Sud Sudan, Hellen Hadia: "Faccio l'ostetrica per aiutare le donne della mia comunità"
Correlati
Le foto del primo giorno del Papa in Sud Sudan
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo