Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 aprile 2024
 
dossier
 

Il Papa a Pompei: "Abbiamo bisogno della Madonna"

21/03/2015  Arriva puntuale e parte in ritardo. Bergoglio a Pompei prega e promette: "Arrivederci a presto". E intanto Napoli lo aspetta a braccia aperte

Il Papa entra a Napoli dalla porta della preghiera. Una breve sosta a Pompei, per recitare la piccola supplica alla Madonna e benedire i fedeli che già dall’alba si accalcavano attorno al santuario. Si ferma più del poco tempo previsto, papa Francesco, per salutare i disabili e per stringere le mani di quanti vogliono salutarli. E, prima di ripartire alla volta di Scampia rivolge qualche parola non prevista facendo recitare a tutti l’Ave Maria. «Arrivederci a presto», dice facendo intendere di voler tornare a Pompei. E ringrazia «per questa calorosa accoglienza». Nelle poche parole il Papa ricorda che «abbiamo pregato la Madonna. Abbiamo bisogno della Madonna perché ci custodisca in tante cose».
Intanto a Napoli la città si è svegliata di buon mattino. In tanti cercano di affrettarsi verso piazza plebiscito, dove il Papa celebrerà la messa alle 11. Chi non ha i biglietti per entrare in piazza sosta lungo il percorso con la speranza di vedere papa Francesco. La città è blindata, con i servizi di sicurezza che già da ieri pomeriggio presidiano le zone centrali della città. La comunità filippina ha già preso posizione e gli scout sono divisi tra quanti saranno in piazza e quanti danno una mano al servizio d'ordine.
Ovunque si vendono le bandierine gialle e bianche con l'immagine del Papa e, ai crocicchi delle strade, sono già pronti i cestoni con le bibite e i panini. E qualcuno azzarda già alle sette del mattino: «Una colazione, volete una colazione? Ve la dò a due euro». Napoli che apsetta il Papa è anche questo.

Multimedia
"San Gennaro vuol bene al Papa, sangue liquefatto a metà"
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo