Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
 

Il Papa invoca giustizia per l'Africa

19/11/2011  Nella sua visita in Benin, Benedetto XVI si è espresso contro la violenza e la corruzione, disegnando il cammino della Chiesa cattolica nel continente.

Ha lasciato all'Africa un'esortazione apostolica che delinea il cammino della Chiesa cattolica nel continente, la sua aspirazione alla pace e alla riconciliazione, la ricerca sofferta della giustizia. Lo ha fatto nel suo viaggio in Benin, il secondo in Africa da quando è stato eletto Pontefice.

     Benedetto XVI ha firmato il documento Africae Munus nella basilica di Ouidah. Nelle 135 pagine dell'esortazione il Papa affronta il tema dell'abolizione della pena di morte, denuncia apertamente gli abusi ai quali donne e bambini sono sottoposti, ponendo l'accento sulla terribile piaga dell'Aids, flagello del continente africano, dove si concentra il 70% dei casi.      

      "Il problema dell'Aids richiede chiaramente risposte mediche e farmaceutiche, ma queste non sono sufficienti", si legge nel testo. "Il problema è più profondo, è un problema etico". Per contrastare il virus dell'Hiv, torna a ribadire il Pontefice, è necessaria una seria educazione alla sessualità, che punti sul rifiuto della promiscuità, sulla fedeltà, sull'astinenza dai rapporti.

      La visita papale ha avuto un forte colorito politico-sociale con una profonda attenzione al tema della giustizia: ieri, a Cotonou, la capitale economica del Benin, Benedetto XVI aveva tuonato contro la violenza e contro la corruzione, appellandosi ai potenti d'Africa affinché agiscano con giustizia e non tolgano la speranza alle loro popolazioni. Con un richiamo alla Primavera araba, ricordando la nascita del Sud Sudan: «In questi ultimi mesi», ha detto il Papa, «molti popoli hanno manifestato il loro desiderio per la liberta', il loro bisogno di sicurezza materiale, la loro speranza di vivere in armonia, secondo le esigenze dei differenti gruppi etnici e delle diverse religioni».

      Ha inoltre invitato gli africani a non seguire i movimenti religiosi «che hanno successo, ma non stabilità». Il riferimento è alle Chiese pentecostali che stanno proliferando in tutto il continente minando la presenza forte della Chiesa cattolica. Il rafforzamento del cattolicesimo in Africa è una sfida fondamentale per il Vaticano: non a caso, come seconda tappa della sua visita, Benedetto XVI ha scelto Ouidah, cuore della ritualità voodoo nel piccolo Paese dell'Africa occidentale e antico porto dal quale gli schiavi neri venivano imbarcati verso l'America.

     Praticato da 60 milioni di persone, il voodoo è stato riconosciuto ufficialmente come religione nel 1996 proprio in Benin: qui, l'80% della popolazione - 9 milioni di abitanti - si dichiara cattolica, ma la stragrande maggioranza unisce il cattolicesimo al voodoo, operando una fusione di riti e credenze.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo