Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
dossier
 

Il Papa: «Mai più abusi sessuali, la Chiesa deve essere credibile»

29/07/2022  Il Pontefice, recitando i vespri con i vescovi, i sacerdoti, i consacrati e gli operatori pastorali ribadisce la richiesta di perdono per quanto fatto contro gli indigeni e condanna gli abusi sessuali. La Chiesa non deve credersi superiore agli altri.

«Per sconfiggere la cultura dell'esclusione occorre che iniziamo noi: i pastori, che non si sentano superiori ai fratelli e alle sorelle del Popolo di Dio; gli operatori pastorali, che non intendano il loro servizio come potere. Si inizia da qui». Papa Francesco pronuncia, nella cattedrale di Notre-Dame in Quebec,  l'omelia dei Vespri recitati insieme con i vescovi, i sacerdoti, i diaconi, i consacrati, i seminaristi e gli operatori pastorali e indica loro le sfide per diventare «i costruttori di una Chiesa diversa: umile, mite, misericordiosa, che accompagna i processi, che lavora decisamente e serenamente all'inculturazione, che valorizza ognuno e ogni diversità culturale e religiosa». Mai più, ripete, «la comunità cristiana si lasci contaminare dall'idea che esista una superiorità di una cultura rispetto ad altre e che sia legittimo usare mezzi di coercizione nei riguardi degli altri».

Il Pontefice indica come esempio il «vostro primo vescovo, Saint Francois de Laval, che si scagliò contro tutti coloro che degradavano gli indigeni inducendoli a consumare bevande per truffarli.  Non permettiamo che alcuna ideologia alieni e confonda gli stili e le forme di vita dei nostri popoli per cercare di piegarli e di dominarli».

Francesco esorta a non avere uno sguardo negativo sul mondo, ad affrontare la secolarizzazione senza arroccamenti e condanne. E poi  sottolinea che il Vangelo non va annunciato solo a parole, ma con la testimonianza «traboccante di amore gratuito, come fa Dio con noi. Un annuncio che chiede di incarnarsi in uno stile di vita personale ed ecclesiale che possa far riaccendere il desiderio del Signore, infondere speranza, trasmettere fiducia e credibilità».

E a proposito della testimonianza il Papa ricorda che «il Vangelo si annuncia in modo efficace quando è la vita a parlare, a rivelare quella libertà che fa liberi gli altri, quella compassione che non chiede nulla in cambio, quella misericordia che senza parole parla di Cristo. La Chiesa in Canada ha iniziato un percorso nuovo, dopo essere stata ferita e sconvolta dal male perpetrato da alcuni suoi figli. Penso in particolare agli abusi sessuali commessi contro minori e persone vulnerabili, scandali che richiedono azioni forti e una lotta irreversibile. Io vorrei, insieme a voi, chiedere ancora perdono a tutte le vittime. Il dolore e la vergogna che proviamo deve diventare occasione di conversione: mai più!».

Multimedia
Le più belle immagini dell'ultimo giorno del Papa in Canada
Correlati
Il Papa in Canada, la seconda giornata in un minuto
Correlati
Le più belle immagini dell'ultimo giorno del Papa in Canada
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo