Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
dossier
 

IL PAPA A CASERTA: DITE NO AL MALE, NON LASCIATEVI RUBARE LA SPERANZA

26/07/2014  "Credere al primato di Dio significa avere il coraggio di dire no al male, alla violenza, alle sopraffazioni, per vivere una vita al servizio degli altri e in favore della legalità e del bene comune”, ha detto Francesco davanti a 200 mila persone.

L’elicottero bianco sorvola la provincia di Caserta. Una volta si chiamava “terra di lavoro”, ma ora è la “terra dei fuochi”. Il sostituto alla Segretaria di Stato mons. Angelo Becciu racconta la storia a Bergoglio e mostra il disastro dall’elicottero. Il Papa ascolta preoccupato e dice: “E’ terribile. E’ terribile che una terra così bella venga rovinata”.

Lo aspettano in duecentomila davanti alla Reggia di Caserta. Prima incontra e saluta uno per uno i 123 sacerdoti della diocesi nei saloni della Reggia. Poi entra nella cappella palatina e per un’ora risponde alle loro domande, temi ecclesiali sul ruolo del sacerdote e della Chiesa locale. Indica due concetti sui quali riflettere: la creatività pastorale e la vicinanza alla gente, il dialogo con tutti, soprattutto con quelli che sono più lontani come stile del prete. Spiega che non si può scartare a priori ciò che pensano e dicono gli altri.

Prima di uscire sorride e si scusa per aver creato un po’ di scompiglio con la doppia visita a Caserta oggi e lunedì per incontrare il suo amico pastore della Chiesa protestante di qui. L’altare sulla piazza Carlo III ha la stessa tavoglia usata da Karol Wojtyla quando venne a Caserta il 23 maggio 1992 e accanto c’è una formella con una croce e la firma di Giovanni Paolo II. Il vescovo di Caserta mons. Giovanni D’Alise ricorda i tormenti di quella che una volta era la “Campania felix” e oggi invece “è attaccata da più parti, sventrata e fatta deposito di rifiuti particolari provenienti dall’Italia e dall’Europa, che causano morti e disagi”. Denuncia “criminalità e corruzione”, ma sottolinea il fatto che la “popolazione non si abbatte” e non “demorde”, ma “ha un grande desiderio di essere protagonista di una ripresa, soprattutto spirituale, sotto la guida del Papa”.

Bergoglio nell’omelia spiega che il Regno di Dio è capace di cambiare il mondo, che Gesù è una presenza che invita ad accogliere tutti compresi “lo straniero e l’immigrato”. Credere al primato di Dio, spiega, significa “avere il coraggio di dire no al male, alla violenza, alle sopraffazioni, per vivere una vita al servizio degli altri e in favore della legalità e del bene comune”. Chiede di rispettare “la vita e la salute” anche “rispettando l’ambiente e la natura”: “So che voi soffrite per queste cose”.

Rivela che appena sceso dall’elicottero una persona si è avvicinata e gli ha chiesto di darci la speranza: “Io non posso darvi la speranza, ma vi posso dire che dove c’è Gesù c’è la speranza e noi dobbiamo impegnarci a salvaguardare l’ambiente e la natura”. Definisce “bella la terra” e sottolinea che richiede di essere “tutelata e preservata”, ma occorre anche “dire no ad ogni forma di corruzione e di illegalità”.

Termina con un accenno alla festa patronale di Sant’Anna, patrona di Caserta: “A me piace chiamarla la nonna di Gesù”. Ma anche con una parola che invita a “vivere la festa patronale libera da ogni condizionamento, espressione pura della vita di un popolo”. La frase ricorda le polemiche in Calabria sulle processioni e le feste patronali. Bergoglio non ne fa riferimento, ma indica come comportarsi. Al termine ripete ancora: “Abbiate speranza, la speranza non delude, non lasciatevi rubare la speranza”

Tag:
Multimedia
L'omelia nella piazza gremita: «No al male e alla violenza»
Correlati
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo