logo san paolo
venerdì 06 agosto 2021
 
Udienza
 

"Siate medici con l'Africa"

07/05/2016  Alla ong Medici con l’Africa Bergoglio dice: «Portate avanti con coraggio la vostra opera, esprimendo una Chiesa che non è una “super clinica per vip” ma piuttosto un “ospedale da campo”. Pregate perché il Signore mi faccia ogni giorno più povero»

Sono arrivati in 8 mila da tutta Italia – medici, operatori sanitari, cooperanti, volontari, sostenitori e amici – per abbracciare papa Francesco in Aula Paolo VI, durante l’udienza speciale a loro dedicata oggi (sabato 7 maggio) a mezzogiorno. I membri di Medici con l’Africa Cuamm si sono stretti intorno a Bergoglio, con il desiderio di continuare ad assicurare (come fanno da oltre 65 anni) cure e servizi di base alle popolazioni africane. E anche ricordare don Luigi Mazzucato, storico direttore del Cuamm scomparso il 26 novembre scorso a 88 anni. Ad accompagnare i partecipanti c’erano anche il vescovo di Padova Claudio Cipolla e il vicario generale, presidente del Cda del Cuamm, monsignor Paolo Doni. «La salute, soprattutto quella di base, è di fatto negata, negata – ha ripetuto il Papa – in diverse parti del mondo e in molte regioni dell’Africa. Non è un diritto per tutti, ma piuttosto è ancora un privilegio per pochi, quelli che possono permettersela».

E rivolgendosi ai partecipanti, ha rimarcato: «Avete scelto i Paesi più poveri dell’Africa, quelli sub-sahariani, e le aree più dimenticate, “l’ultimo miglio” dei sistemi sanitari. Sono le periferie geografiche nelle quali il Signore vi manda ad essere buoni samaritani, ad uscire incontro al povero Lazzaro, attraversando la “porta” che conduce dal primo al terzo mondo. Questa è la vostra “porta santa”! Voi operate tra le fasce più vulnerabili della popolazione: le mamme, per assicurare loro un parto sicuro e dignitoso, e i bambini, specie neonati. In Africa, troppe mamme muoiono durante il parto e troppi bambini non superano il primo mese di vita a causa della malnutrizione e delle grandi endemie. Vi incoraggio a rimanere in mezzo a questa umanità ferita e dolente: è Gesù!», aggiungendo a braccio le ultime parole.

«Siete medici “con” l’Africa e non “per” l’Africa, e questo è tanto importante. Siete chiamati a coinvolgere la gente africana nel processo di crescita, camminando insieme, condividendo drammi e gioie, dolori ed entusiasmi. I popoli sono i primi artefici del loro sviluppo, i primi responsabili!».

Ancora, ha evidenziato Bergoglio, «voi portate avanti con coraggio la vostra opera, esprimendo una Chiesa che non è una “super clinica per vip” ma piuttosto un “ospedale da campo”. Una Chiesa dal cuore grande, vicina ai tanti feriti e umiliati della storia, a servizio dei più poveri. Infine, ancora una frase spontanea di Francesco: «Vi chiedo, per favore, di pregare anche per me, perché il Signore mi faccia ogni giorno più povero».

Salutando all’inizio dell’udienza il Papa, don Dante Carraro, direttore della ong, ha rimarcato: «Grazie prima di tutto per il tuo esempio, i tuoi gesti e le tue parole: ci incoraggiano, ci consolano e ci aiutano ad andare avanti. Ti portiamo come dono noi stessi e le nostre famiglie, l’Africa e la sua gente, la sua passione e il nostro impegno con loro». Poi ha sintetizzato le testimonianze di due medici in Sud Sudan, «laici operai di una Chiesa feriale».

Il primo, Massimo Laraia, chiede al pontefice: «Hai detto che i sacerdoti devono avere l’odore delle pecore. Che odore devono avere i medici? Qui sento odore di terra, di sangue rappreso, di disinfettante a riprova di quello che proviamo a fare, odore di lacrime e sorrisi che non hanno odore».

E Arianna Bortolani: «Volevo venire a tutti i costi venire qui a incontrare Gesù nei più poveri. Tre anni fa ero fiduciosa che avrei trovato verità e pienezza di vita, invece devo confessare che sto facendo fatica. La vera fatica è quella di riconoscere il volto e la persona di Gesù: una giovane mamma è morta dando alla luce il suo bambino perché è arrivata tardi, non aveva i soldi per il trasporto. Vorrei vedere i risultati subito, più li cerco e non mi sembra che ci sia niente che funzioni. Ma una frase, un sorriso, uno sguardo riportano nella giusta direzione». Il Papa ha aggiunto a braccio nel suo discorso, commentando queste parole: «La testimonianza di questi medici hanno portato il mio cuore laggiù, dove voi semplicemente andate per trovare Gesù e questo mi ha fatto tanto bene: grazie!».  

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%