logo san paolo
domenica 27 settembre 2020
 
 

Papa e i cardinali, il punto sulla Chiesa

19/11/2010  Attenti al relativismo che distrugge la libertà religiosa in Occidente. Sugli abusi sessuali del clero continuare la lotta. Una Lettera del Vaticano a tutte le conferenze episcopali.

Il Papa al Concistoro straordinario
Il Papa al Concistoro straordinario

Quasi otto ore di discussione tra il Papa e il suo “senato”, cioè i cardinali del Sacro Collegio soprattutto per fare il punto anche su una questione delicata che ormai percorre i Paesi dell’Occidente: la libertà religiosa. Benedetto XVI alla vigilia della consegna del  berretto cardinalizio e dell’anello a 24 nuovi porporati ha convocato il Sacro Collegio per un concistoro straordinario per consultarsi con i cardinali su alcune questioni di grande importanza. Erano presenti circa 150 cardinali e il Papa, introducendo la discussione, ha sottolineato le difficoltà che la Chiesa incontra nell’ “affermare la libertà di annunciare la verità del Vangelo e delle grandi acquisizioni della cultura cristiana”. E ha denunciato quella che ha chiamato la “dittatura del relativismo”.

Poi il cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato vaticano, ha affrontato lo stato della libertà religiosa nel mondo e ha inviato a riflettere sui Paesi occidentali, oltre che su quelli islamici: “Benché si tratti di Nazioni che spesso devono al cristianesimo i tratti profondi della loro identità e cultura, si assiste oggi ad un processo di secolarizzazione con tentativi di emarginazione dei valori spirituali dalla vita sociale”. Sono intervenuti 18 cardinali nel dibattito. Molto interventi hanno denunciato le difficoltà che la Chiesa incontra nella difesa del diritto naturale sui valori della vita e della famiglia. Molto duro è stato l’intervento del cardinale Francis George di Chicago, che criticato la politica della Casa Bianca e ha avvisato che negli Stati Uniti si sta limitando la libertà religiosa. Un’altra situazione delicata di cui si è parlato è quella del Messico. La circostanza è stata riferita dal cardinale messicano Barragan, ex-presidente del Pontificio consiglio per gli operatori sanitari: “I vescovi non possono parlare di omosessualità, né criticare l’adozione delle coppie gay o la piaga dell’aborto perché tutto viene considerato una critica al governo”. E’ stata attentamente anche esaminata la situazione della libertà religiosa in Cina. Il Papa ha inviato a pranzo tutti i cardinali e poi la discussione è continuata nel pomeriggio.

 Si è parlato della accoglienza degli anglicani dissidenti nella Chiesa cattolica e dello scandalo degli abusi sessuali del clero e dei provvedimenti della Chiesa. A questo proposito il cardinale di Parigi  Andrè Vingt-Trois ha riferito ai giornalisti che sono state ripercorse le tappe della vicenda e che alcuni cardinali hanno osservato come, nell’affrontare questo caso, si sia puntata l’attenzione troppo e soltanto sulla situazione nei Paesi occidentali, mentre sarebbe opportuno verificare anche ciò che avviene altrove. Tutti i cardinali hanno espresso un incoraggiamento alle Conferenze episcopali a continuare con forza la lotta contro questo male. Lo ha sottolineato il cardinale Walter Kasper, parlando in tarda serata con i giornalisti. Il cardinale Levada, prefetto della Congregazione per la dottrina delle fede, ha annunciato ai cardinali che la Santa Sede invierà “Lettera circolare” alle Conferenze episcopali sulle linee guida per arrivare “ad un programma coordinato ed efficace”.

 Una nota di Padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa della Santa Sede, spiega che “nella discussione è stato suggerito, tra l’altro, di incoraggiare le Conferenze Episcopali a sviluppare piani efficaci, tempestivi, articolati, completi e decisi di protezione dei minori, che tengano conto dei molteplici aspetti del problema e delle necessarie linee di intervento, sia per il ristabilimento della giustizia, sia per l’assistenza delle vittime, sia per la prevenzione e la formazione, anche nei paesi dove il problema non si è manifestato in modo drammatico come in altri”.  La discussione si è svolta a porte chiuse.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%