logo san paolo
sabato 25 giugno 2022
 
ALL'ANGELUS
 

Papa e periferie: «Incontro, non scontro»

16/11/2014  Riferendosi al caso di Tor Sapienza, Francesco invita a "respingere ogni violenza". Dialogo, dunque: anche in una "sala della parrocchia". La riflessione muove dalla parabola dei talenti che "ci sprona a non nascondere la nostra fede": "non ci sono situazioni o luoghi preclusi alla presenza e alla testimonianza cristiana".

Oggi Roma, ieri Parigi ma anche Ferguson e Saint Louis (Missouri, Usa). Duri confronti tra diverse etnie. Scontri verbali. Talvolta, manifestazioni violente. Le periferie, con il loro carico di povertà, emarginazione e sofferenza, stanno a cuore al Papa. E Francesco è tornato a parlarne oggi, all'Angelus.  «In questi giorni a Roma», ha detto riferendosi senza citarli ai fatti di Tor Sapienza, «ci sono state tensioni piuttosto forti tra residenti e immigrati. Sono fatti che accadono in diverse città europee, specialmente in quartieri periferici segnati da altri disagi. Invito le istituzioni, di tutti i livelli, ad assumere come priorità quella che ormai costituisce un'emergenza sociale e che, se non affrontata al più presto e in modo adeguato, rischia di degenerare sempre di più».

I credenti non stanno a guardare con le mani in mano. Anzi. «La comunità cristiana s'impegna in modo concreto perché non ci sia scontro, ma incontro», ha proseguito Jorge Mario Bergoglio. «Cittadini e immigrati, con i rappresentanti delle istituzioni possono incontrarsi anche in una sala della parrocchia e parlare insieme della situazione. L'importante - sottolinea Francesco - è non cedere alla tentazione dello scontro, respingere ogni violenza. E' possibile dialogare, ascoltarsi, progettare insieme e in questo modo superare il sospetto e il pregiudizio e costruire una convivenza sempre più sicura, pacifica ed inclusiva».



(video gentilmente fornito dal Ctv, Centro televisivo vaticano)

Il Papa è arrivato a ragionare di attualità dopo aver riflettuto sulla parabola dei talenti, proposta dalla liturgia domenicale. I talenti, secondo questo brano evangelico – ha spiegato  Francesco – non sono le qualità individuali, ma il patrimonio che il Signore ci affida: la sua Parola, l’Eucaristia, la fede nel Padre celeste, il suo perdono, cioè «i suoi beni più preziosi» che noi siamo chiamati a far fruttare. Così, la buca scavata nel terreno dal «servo malvagio e pigro» indica «la paura del rischio che blocca la creatività e la fecondità dell’amore».

«Gesù non ci chiede di conservare la sua grazia in cassaforte», ha sottolineato Bergoglio, «ma vuole che la usiamo a vantaggio degli altri. Tutti i beni che noi abbiamo ricevuto sono per per darli agli altri e così crescono. È come se ci dicesse: ‘Eccoti la mia misericordia, la mia tenerezza, il mio perdono: prendili e fanne largo uso’. E noi che cosa ne abbiamo fatto? Chi abbiamo ‘contagiato’ con la nostra fede? Quante persone abbiamo incoraggiato con la nostra speranza? Quanto amore abbiamo condiviso col nostro prossimo? Sono domande che ci farà bene farci. Qualunque ambiente, anche il più lontano e impraticabile, può diventare luogo dove far fruttificare i talenti».

E' questo un concetto su cui il papa insiste: «Non ci sono situazioni o luoghi preclusi alla presenza e alla testimonianza cristiana» che «non è chiusa, è aperta». «Questa parabola ci sprona a non nascondere la nostra fede e la nostra appartenenza a Cristo, a non seppellire la Parola del Vangelo, ma a farla circolare nella nostra vita, nelle relazioni, nelle situazioni concrete, come forza che mette in crisi, che purifica, che rinnova». Questo – ha sottolineato il Papa – vale anche per il perdono, che il Signore ci dona specialmente nel Sacramento della Riconciliazione: «Non teniamolo chiuso in noi stessi, ma lasciamo che sprigioni la sua forza, che faccia cadere quei muri che il nostro egoismo ha innalzato, che ci faccia fare il primo passo nei rapporti bloccati, riprendere il dialogo dove non c’è più comunicazione». Il Signore - ha osservato - non dà a tutti le stesse cose e nello stesso modo: «Ci conosce personalmente e ci affida quello che è giusto per noi; ma in tutti ripone la stessa, immensa fiducia. Dio si fida di noi. Dio ha speranza in noi. E questo è lo stesso per tutti. Non deludiamolo! Non lasciamoci ingannare dalla paura, ma ricambiamo fiducia con fiducia! La Vergine Maria - ha affermato - incarna questo atteggiamento nel modo più bello e più pieno. Ella ha ricevuto e accolto il dono più sublime, Gesù in persona, e a sua volta lo ha offerto all’umanità con cuore generoso. A Lei chiediamo di aiutarci ad essere 'servi buoni e fedeli', per partecipare “alla gioia del nostro Signore”».

Il "compito a casa", infine: il Papa ha esortato a rileggere e meditare la parabola dei talenti (Matteo 25, 14-30), come esame di coscienza per vedere se i beni di Dio li teniamo per noi o li usiamo per gli altri.



(video gentilmente fornito dal Ctv, Centro televisivo vaticano)

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo