Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 luglio 2024
 
L'INTERVISTA
 

Papa Francesco ad Abc: "A volte mi usano, vogliono farsi vedere amici del Papa per il loro interesse"

17/12/2022  Un papa Francesco rilassato e accorto, si racconta non senza ironia al periodico spagnolo ABC. Ecco l'anticipazione

È un Papa Francesco sorridente, ironico, accorto senza sussiego, quello che risponde alle domande nel video anticipato da ABC, il periodico spagnolo che il 18 dicembre pubblicherà per intero l'intervista di cui daremo conto.

Il dialogo si svolge in spagnolo, com'è naturale, la lingua che il giornale e il papa argentino hanno in comune, e non mancano i momenti di ilarità. 

Come sta il ginocchio? 

«Sto già camminando, la decisione di non operarmi si è rivelata giusta».

La trovo molto bene... (Ride)

«Sì, ho già raggiunto l'età in cui si deve dire "Ma come stai bene!"».

Quando la vidi sulla sedia a rotelle pensai che l'agenda si sarebbe ridotta, invece si è triplicata.

«Si governa con la testa, non con il ginocchio».

Il 13 marzo festeggerà dieci anni da Papa. La sua elezione ci ha colti tutti di sorpresa.

«Anche a me. Avevo prenotato il biglietto per tornare a Buenos Aires in tempo per la domenica delle Palme. Ero molto calmo».

Come ha imparato a essere Papa?

«Non so se ho imparato o meno... La storia ti coglie dove sei».

Cosa trova più difficile dell'essere Papa?

«Non poter camminare per strada, non poter uscire. A Buenos Aires ero molto libero. Usavo i mezzi pubblici, mi piaceva vedere come si muovevano le persone».

Ma lei vede ancora molte persone...

«Il contatto con le persone mi ricarica, per questo non ho cancellato neanche un'udienza del mercoledì. Ma mi manca uscire per strada perché ora il contatto è funzionale. Vanno "a vedere il Papa", quella funzione. Quando uscivo per strada, non sapevano nemmeno che fossi il cardinale».

Qui a Santa Marta vede molte persone.

«Alcuni sembra che se ne approfittino e facciano intendere di essere amici del Papa per i propri interessi. Sei o sette anni fa un candidato argentino venne a Messa. Hanno scattato una foto fuori dalla sacrestia e gli ho detto: "Per favore, non la usare politicamente". "Può star tranquillo", mi ha risposto. Una settimana dopo, Buenos Aires fu tappezzata di quella foto, ritoccata per far sembrare che si trattasse di un'udienza personale. Sì, a volte mi usano. Ma noi usiamo Dio molto di più, quindi sto zitto e vado avanti». 

Deve anche essere difficile il fatto che venga calibrata ogni parola che lei pronuncia.

«A volte lo fanno con un'ermeneutica previa a ciò che ho detto, per portarmi dove vogliono che vada. "Il Papa ha detto questo"... Sì, ma l'ho detto in un determinato contesto. Se la si toglie dal contesto significa un'altra cosa».

Nessun Papa ha mai fatto conferenze stampa o interviste parlando così liberamente».

«I tempi cambiano».

Quale regalo chiederebbe per questo Natale?

«La pace nel mondo. Quante guerre ci sono nel mondo! Quella in Ucraina ci tocca più da vicino, ma pensiamo anche al Myanmar, allo Yemen, alla Siria, dove si combatte da tredici anni…».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo