Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
50° meeting degli adolescenti
 

Papa Francesco ai giovani del Meeting di Verona: «Fate chiasso»

25/09/2023  È arrivato anche il messaggio di papa Francesco, appena tornato da Marsiglia, al 50° Meeting degli adolescenti di Verona e ai suoi 3800 ragazzi. Con un appello a tenere alta l’attenzione al tema delle migrazioni

È arrivato anche il messaggio di Papa Francesco a coronare il 50° Meeting degli adolescenti. Tramite una telefonata al vescovo Domenico Pompili, infatti, il Santo Padre si è rivolto ai quasi 3800 partecipanti al raduno giovanile organizzato dal Centro di pastorale adolescenti e giovani (Cpag) della Diocesi al Pala Agsm Aim di Verona domenica 24 Settembre.

«Stamattina» ha raccontato il monsignor Pompili «ho avuto modo di sentire il Papa, appena tornato da Marsiglia e, raccontandogli di questo nostro incontro, ho chiesto se ci fosse un messaggio che potevo recapitarvi». «Di’ loro che facciano chiasso» è stata la risposta del Pontefice, che ha chiesto anche di porre l’attenzione al tema delle migrazioni, vista la concomitanza con la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato. «Papa Francesco» ha aggiunto il Vescovo Domenico «mi ha suggerito: “Di’ alle ragazze e ai ragazzi che questo è un problema epocale che va affrontato con grande rigore, facendo in modo che si scelgano quelli che possono essere accolti, ma con l’attenzione che nessuno venga cacciato e rispedito nei lager da cui proviene tutta questa povera gente”».

Il messaggio ha dunque provocato i 3785 presenti al Pala Agsm Aim. Di questi, 2663 erano i ragazzi dai 14 ai 18 anni provenienti dalla provincia scaligera e dalla sponda bresciana del Lago di Garda (che ricade all’interno della Diocesi di Verona), 552 gli animatori, 250 gli organizzatori volontari e 320 i vecchi volontari, invitati appositamente per il cinquantenario dell’evento. Tra gli ospiti anche il sindaco di Verona Damiano Tommasi e il consigliere Francesco Fasoli, in passato volontario del Meeting.

Assieme al messaggio del Santo Padre, i presenti hanno affrontato anche il tema annuale: Guardami è stato il titolo di questa edizione che ha portato i ragazzi a riflettere sullo sguardo, che può essere giudicante oppure salvifico, se frutto di un amore. Nel corso della mattinata sono state presentate diverse testimonianze di chi grazie ad uno sguardo d’amore ricevuto è riuscito a cambiare la propria vita. Tra queste anche i racconti di ragazzi ed educatori dell’Ospedale di Santa Giuliana, centro di riferimento regionale per il disturbo psicologico e psichico in adolescenza.

Nell’omelia della Santa Messa, il Vescovo Domenico ha messo in guardia i presenti: «Il nostro sguardo è spesso segnato dall’invidia, un vedere contro, un vedere male, uno sguardo segnato dalla contrapposizione all’altro» alimentato anche dai social network e che conduce «alla depressione, alla tristezza, alla paura». «Vi auguro dunque di imparare a vedere, e non a invidiare» ha rimarcato monsignor Pompili, «perché vedere è ciò che vi consente di aprirvi alla vita, alla sua bellezza, alla sua gratuità, alla sua libertà».

A concludere i lavori, la riflessione di don Matteo Malosto, direttore del Cpag: «La Chiesa e, da 50 anni, anche il Meeting esistono per questo: per portare agli adolescenti il messaggio di Dio che nessuno di loro è sbagliato o è un problema, ma che ciascuno è, a suo modo, la cosa più bella del mondo, qualcuno per cui vale la pena morire, come ha fatto Gesù in croce».

Nel pomeriggio spazio all’animazione con balli di gruppo e giochi all’aperto, mentre all’interno della tensostruttura è stato allestito uno spazio per la preghiera a le confessioni.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo